VII Premio Antica Corte Pallavicina: Renè Redzepi nella “biosfera” della famiglia Spigaroli e la rivincita dei contadini
20 luglio 2012
Operazione Bufalo: il Consorzio di Tutela espelle Mandara e si costituirà parte civile
20 luglio 2012

malgaUna merenda su un pianoro a 1618 metri di altezza è una proposta a cui diventa difficile dire di no. A maggior ragione se la merenda è l’occasione per ascoltare storie i malga e assaggiare i formaggi che vi vengono prodotti dalla viva voce di Michele Grassi, un casaro di rara esperienza che al formaggio di malga ha dedicato tutta la sua vita professionale.
L’appuntamento è per il 28 luglio, alla Malga Pian de Vacia, nella cornice sublime delle dolomiti cadorine, incastonata tra il Monte Pelmo e l’alpe grandiosa di Mondeval.

Qui si apre, per la prima volta, una festa inedita, dedicata ai grandi formaggi di alpeggio. L’intento è quello di dar voce alla cultura e alla tradizione casearia di alpeggio, eccellenza tra le eccellenze dei formaggi alpini e in generale italiani, che parlano di storia, sapienza, tecniche a volte antichissime, tramandate di generazione in generazione. Si pensi solo al grande patrimonio dei formaggi DOP, alcuni prodotti anche tra le montagne del Cadore.
Quest’anno i formaggi italiani hanno raggiunto le 43 denominazioni d’origine protetta rilasciate dalla Comunità Europea, ma le tipologie e le loro antiche storie sono in Italia più di 600.

L’ultimo, in ordine di tempo, il Mondeval, che Michele Grassi presenterà il 28 luglio. Si tratta di un formaggio la cui produzione è iniziata in questi mesi estivi al Pian de Vacia, con tecnica di lavorazione messa a punto dopo molte prove e lungo studio.
Insieme al formaggio e alla merenda i partecipanti potranno assistere alla presentazione del nuovo e interessante libro di Michele Grassi, Aroma. Un viaggio sensoriale alla scoperta dei formaggi DOP italiani (Tamellini edizioni, Verona, 2012).
Per l’occasione speciale sarà inoltre possibile visitare i reparti di produzione di Malga Pian de Vacia, il caseificio e la stalla, e assistere alla mungitura delle vacche di ritorno dai pascoli.

Luigi Franchi

Come arrivare:
– autostrada A 27 Mestre-Belluno, fino a Ponte nelle Alpi;
– SS 51 di Alemagna, fino a Longarone;
– SS 251 Zoldana, fino a Passo Staulanza;
– proseguire attraversando loc. Pescul;
– in loc. Santa Fosca, a destra per Via dei Denever, Via Perazze, a destra ancora per Via Toffol e Via Piz del Corvo, fino a loc. Pian de Vacia (50 km dalla stazione autostradale, 3 km da loc. Santa Fosca – sempre su strade asfaltate – ampia possibilità di parcheggio presso la malga).

Per informazioni: 345 1423416 / 349 1806539 / piendevacia@gmail.com