GNAM – cucine aperte, un’idea di Mauro Bochicchio

www.ristorazionecatering.it
La cucina di Peppe Zullo
28 ottobre 2014
I cuochi laziali si preparano per Expo 2015
29 ottobre 2014
www.ristorazionecatering.it
image_pdfimage_print

La serata d’avvio del progetto GNAM – cucine aperte è avvenuto qualche giorno fa, al ristorante partenopeo Napoli Mia, dove la cuoca Antonella Rossi ha cucinato insieme allo chef Juan Arbelaez,  considerato uno dei migliori esempi di una nuova generazione di leader che presto prenderà gli avamposti della cucina francese e formatosi alla corte di tre grandi brigate francesi, quella di Pierre Gagnaire, del Bristol di Eric Fréchon e quella del George V di Eric Briffard. A soli 24 anni apre il suo primo ristorante la ‘Plantxa’, un locale di tendenza dove i suoi piatti raccontano il suo percorso in una cucina colorata e creativa.
Mentre Antonella Rossi è chef e patron del ristorante Napoli Mia che ha sede in uno dei quartieri più belli di Napoli. dove, con grande dedizione e tecnica, sa esaltare la cultura gastronomica partenopea e rinnovarsi incuriosendo golosamente i palati dei suoi ospiti.
Il fil rouge dell’evento è l’indiscusso legame che lega le produzioni d’eccellenze alla tecnica di preparazione, passando per il rispetto del territorio e della stagionalità. Oltre 40 sono gli chef provenienti principalmente dall’Italia e dalla Francia che hanno aperto le porte al progetto “GNAM” ideato da Mauro Bochicchio e promosso da CONSORTIUM PARIS , un quattro mani inedito ed originale per affermare tutta l’importanza della cultura alimentare.

Non a caso, il 21 ottobre, gli chef Antonio e Luca Abbruzzino  sono stati ospiti al centralissimo Café Artcurial sugli Champs-Élysée; ad accoglerli Enrico Eunadi, patron del ristorante e Domenico Cugliandro che, dopo una lunga esperienza al Cipriani di Venezia, è executive chef da un anno.
Il 5 novembre si ritorna in Italia con un duo straordinario, Vitantonio Lombardo, chef e patron della Locanda Severino a Caggiano, e Denny Imbroisi, sous-chef al Ristorante Le Jules Verne alla Tour Eiffel del pluristellato patron Alain Ducasse.  Mentre Sebastiano Lombardi si cimenterà in un sfizioso  quattro mani a Parigi al ristorante Table di Bruno Verjus. Poi toccherà ad Angelo Sabatelli che incontrerà il suo collega Luigi Nastri alla Gazetta a Parigi. Ad aprire le danze nel 2015, David Toutain ospite al ristorante  Angelo Sabatelli a Monopoli.
Il programma completo del 2015 sarà presto disponibile sul sito www.consortium-paris.com

 Luigi Franchi

image_pdfimage_print