carousel

Il Veneto è tra le regioni che maggiormente contribuisce  all’economia casearia grazie al grande patrimonio lattiero di cui dispone; qui si producono  alcuni tra i formaggi più tradizionali e conosciuti in tutta Italia che sono stati presentati, degustati, spiegati e infine premiati a Caseus Veneti, il Salone Regionale dei formaggi veneti che si è svolto a Villa Contarini di Piazzola sul Brenta.


Il formaggio, dunque, come legame con il territorio e come espressione dell’artigianalità: sono queste le caratteristiche dei grandi formaggi italiani protetti dai marchi di tutela. Ogni formaggio è unico grazie  alle sue caratteristiche climatiche e geografiche,  alla creatività dei maestri caseari e alle tradizioni che in alcuni casi si tramandano da secoli.
Ma andiamo a conoscere più dettagliatamente alcuni di questi formaggi che ,con la loro storia e le loro caratteristiche di unicità, rientrano a pieno titolo nel patrimonio storico-artigianale-gastronomico italiano.

Asiago DOP d’Allevo. Formaggio tipicamente veneto, prodotto sull ’altopiano di Asiago (Vicenza) da latte mucca che si “alleva”, ovvero si stagiona. Le due tipologie, Mezzano e d’Allevo, hanno diverse caratteristiche sensoriali, questo anche per le varianti dell’Allevo che sono il Vecchio e lo Stravecchio. L’Asiago di malga ha caratteristiche organolettiche e sensoriali più pregiate; quello stravecchio è Presidio Slow Food. Per il Mezzano è previsto un periodo di 4-6 mesi, per il Vecchio oltre 10 mesi e per lo Stravecchio oltre 15 mesi. È conosciuto e utilizzato in tutta Italia soprattutto come formaggio “da tagliere” ma non tutti ne conoscono la bontà dell’Asiago Vecchio grattugiato o usato nei ripieni per caratterizzarne la preparazione.

Piave DOP. Il Piave è prodotto esclusivamente con latte vaccino proveniente dalla provincia di Belluno e da razze bovine tipiche della zona di produzione: la Bruna italiana, la Pezzata Rossa italiana e la Frisona italiana. L’allevamento è effettuato in grandi stalle libere, l’alimentazione è il foraggio spontaneo di prato arricchito da cereali di qualità. Si tratta di un formaggio a pasta dura, che arriva a cinque stagionature: Piave DOP Fresco (20/60 giorni), Piave DOP Mezzano (61/180 giorni), Piave DOP Vecchio (>180 giorni), Piave DOP Vecchio Selezione Oro (>12 mesi), Piave DOP Vecchio Riserva (oltre 18 mesi). Il sapore, intenso e corposo, cresce con l’avanzare della stagionatura e il suo aroma caratteristico lo rende perfetto sui taglieri accompagnato da un calice di vino rosso corposo.

Montasio DOP. Prende il nome dall’altopiano del Montasio, in cui veniva originariamente prodotto e oggi il disciplinare prevede la produzione in tutto il Friuli, e nelle province venete di Treviso, Belluno, Venezia  e Padova. La stagionatura va dai  60 giorni ai 18 mesi a seconda se sia fresco o stagionato. E’ utilizzato soprattutto a tavola ma anche nella cucina . Dalla stagionatura dipendono sia il colore della pasta che l’occhiatura: la prima è chiara nei prodotti freschi e tendente al paglierino con l’andare della stagionatura mentre l’occhiatura è fine e media nei freschi , fine e rada negli stagionati. Il Montasio è molto utilizzato nei piatti tipici friulani come il Frico o per accompagnare la polenta ed è preferibilmente accompagnabile da vini delicati di bassa gradazione alcolica.

Casatella trevigiana Dop. È un formaggio fresco di origine domestica perché veniva realizzato in casa con il poco latte a disposizione. È prodotto esclusivamente nella provincia di Treviso con latte locale e nella stessa zona deve essere lavorato e confezionato per attenersi al disciplinare. Si tratta di un formaggio fresco a pasta molle di alta digeribilità, con crosta appena percettibile ed edibile; è tendente al dolce, per questo si presta anche a essere mangiato a tavola accompagnato da frutta fresca di stagione come pre-dessert i stile francese oppure può essere utilizzato in vere e proprie preparazioni dolci. Dopo l’apertura, va conservato in frigo e consumato entro 2-3 giorni.

Monte Veronese DOP. Formaggio tipico che si produce nella fascia prealpina a Nord di Verona , una delle zone con più lunga tradizione di pascoli d’alpeggio. Viene prodotto in due tipologie: Monte Veronese “latte intero” è realizzato con latte di vacca intero ed è commercializzabile dal 25° giorno di produzione; Monte Veronese “d’allevo” è fatto con latte di malga proveniente da pascoli alpini e raccolto da Maggio a Ottobre; si vende a partire dal 90° giorno di produzione e ha un sapore più saporito e con il tempo tende al piccante. Si presta ottimamente per fondute, per mantecare risotti, per caratterizzare vellutate di verdure.

 

Morlacco del Grappa PAT. Formaggio di latte vaccino antico e tradizionale prodotto sull’altopiano del Grappa sin dai tempi della Repubblica di Venezia. Il latte proviene  dalle vacche “burline”, unica razza bovina autoctona del Veneto, quasi estinta, e che pertanto permette una produzione limitata ma altamente artigianale. Infatti il Morlacco si realizza ancora lavorato in alpeggio con le stesse modalità di secoli fa:  il latte scremato della mungitura serale a cui si aggiunge quello intero della mungitura mattutina, si scalda poi a 38-42 gradi e si coagula con caglio liquido di vitello.  La cagliata si trasferisce nelle ceste per far perdere il siero e poi viene salato spesso per 12 giorni: per questo è  uno dei pochi formaggi magri a pasta molle con aromaticità intense. Dopo 15 giorni può essere venduto e consumato fino ai tre mesi .

 Malga. Il formaggio di Malga è un formaggio prodotto in montagna ad alte quote (1500-1800 m) con latte crudo appena munto.  Il formaggio di alpeggio porta con sé tutti i benefici del latte, in particolare il contenuto di proteine di qualità elevata e di minerali alleati della salute delle ossa e : per queste caratteristiche, ha una distribuzione e produzione di nicchia e le sue caratteristiche sono considerate pregiate. Tra i formaggi di Malga ci sono: il Puzzone di Moena, Vezzena del Trentino, il Bitto, la Casera, gli stessi Asiago e Montasio.

Imbriago PAT. Formaggio di produzione tradizionale veneta che trae origini dalla Prima Guerra mondiale durante cui i formaggi vennero ricoperti da uvacce per nasconderli e salvarli dal saccheggio degli austro-ungarici in ritirata; quando fu possibile recuperare le forme, ci si accorse del gradevole sapore che le uvacce avevano conferito al formaggio e da allora decollò la tradizione. Oggi questo formaggio si produce in tutta la provincia di Treviso. La pasta è semidura, la crosta è dura e di colore giallo se affinato con vino bianco o di colore scuro se affinato con vinacce rosse.

 

Per degustare al meglio un formaggio è necessario attenersi a qualche piccola regola: lo scomparto ideale per la conservazione di piccole quantità di formaggio è il cassetto delle verdure.
Per gustarne appieno il sapore, un’ora o mezz’ora prima di essere consumato, il formaggio deve essere tolto dal frigorifero, scartato e ossigenato.
Adesso siete pronti per scegliere il vostro formaggio preferito?

Manuela Di Luccio

image_pdfimage_print
image_pdfimage_print
9 ottobre 2017

Caseus Veneti: alla scoperta di otto formaggi tradizionali

Il Veneto è tra le regioni che maggiormente contribuisce  all’economia casearia grazie al grande patrimonio lattiero di cui dispone; qui si producono  alcuni tra i formaggi […]
22 dicembre 2015

Il Prosecco di rafforza all’estero

Mentre il Consorzio di tutela della DOC Prosecco continua con efficacia l’opera di tutela, contrastando anche i recenti fenomeni di contraffazione sul mercato americano ove alcune […]
22 dicembre 2015

Cosa resterà di Expo

A due mesi dalla fine di Expo si tirano le somme e si comincia a tracciare un bilancio, anche se parziale, di un’esposizione universale che ha […]
21 dicembre 2015

I segreti e le ricette di Gino Fabbri

“Per capire e sentire il cuore battere in gola, bisogna essere lì e leggere la sua storia, come fanno le persone che vogliono arricchire l’anima”. Inizia […]
21 dicembre 2015

Gennaro Esposito al Resort Castadiva

La cucina mediterranea del due stelle Michelin Gennaro Esposito, patron del ristorante Torre del Saracino di Vico Equense, sbarca sul Lago di Como, nel ristorante di […]
21 dicembre 2015

Indagine TheFork sulle festività: le scelte degli italiani

Condotta lo scorso novembre in Spagna, Francia, Italia e Paesi Bassi, l’indagine quali-quantitativa firmata da TheFork, brand di TripAdvisor, delinea lo scenario che per le prossime […]
17 dicembre 2015

Tributo alla Birra

Cresce l’apprezzamento degli italiani per le birre artigianali e nascono nuovi birrifici...
17 dicembre 2015

Natale 2015: oltre 7 milioni di italiani al ristorante

Se ancora può valere il vecchio adagio che esorta a trascorre il Natale “con i tuoi”...
17 dicembre 2015

Parmigiano Reggiano: nuova battaglia contro l’“Italian sounding”

Un danno per i produttori italiani, una situazione ingannevole per i consumatori americani: la lotta all’Italian sounding aperta con gli Stati Uniti e oggetto dei negoziati […]
17 dicembre 2015

Mediterranean Christmas, la salute è servita

Natale in arrivo, tempo di pranzi in famiglia, tavole imbandite e leccornie...
15 dicembre 2015

Di cosa parliamo quando parliamo di guida Michelin

Sono passati solo pochi giorni e già la ‘notizia’ ha perso di smalto. L’uscita della guida Michelin del resto, in questa edizione, sarà ricordata per quella […]
14 dicembre 2015

64 nuovi chef, diplomati ad ALMA

Una commissione composta da 18 stelle Michelin ha giudicato le abilità dei 64 neo diplomati di Alma, indicando i futuri cuochi di domani, durante il XXVIII […]
14 dicembre 2015

Tutte le tavole italiane del Natale, in un libro

Proprio mentre nelle nostre città si comincia a respirare la caratteristica atmosfera natalizia, esce in libreria Natali d’Italia, edito da Guido Tommasi Editore, il nuovo volume […]