Total Flower
4 Settembre 2013
Terrina di bollito, salse dei nostri padri, frutta senapata
6 Settembre 2013

13° Festival della Cucina Italiana

Dalla Salumoterapia alle Sfogline, dal cibo di strada a Niko Romito, il 13° Festival della Cucina Italiana apre i battenti dal 6 all’8 settembre in quel di Rimini dopo aver fatto il giro in diverse location dello stivale per offrire, nei 10 mila metri quadrati del Parco Terme della Galvanina, un tuffo nel meglio del cibo, del vino e della birra, da conoscere e degustare attraverso i numerosi appuntamenti della kermesse supervisionati da Gianfranco Vissani (fotografia di Pasquale Spinelli).

Da dove cominciare?

Magari dallo Streetfood Village, dove si celebrerà un vero e proprio Festival del Cibo di Strada: dalla Sicilia pani ca’ meusa, pane e panelle, arancini, cous cous siciliano, cannoli, dall’Abruzzo arrosticini di pecora abruzzesi, dalle Marche olive e fritto ascolano, dalla Toscana lampredotto e porchetta di Monte san Savino, dal Lazio coni di pesce fritto, dalla Puglia le bombette di Alberobello; accanto ad essi tanti produttori di sott’oli, marmellate, salumi, formaggi, taralli e orecchiette, la piadina romagnola della Lella, recentemente incoronata “migliore piadineria dell’Emilia Romagna” nella guida Street Food e Gambero Rosso e del Consorzio di Promozione della Piadina Romagnola.

Si continua con il Festival con la cucina del ristorante Quartopiano di Rimini coordinato dallo chef Silver Succi, il ristorante Pomod’Oro Beach con pesce freschissimo cotto dai pescatori di Riccione e la ristorazione veloce di Degusto – Viaggio in Italia.

E la sfida dove la mettiamo? Ma nel piatto, con il Festival dei Maestri Carnaroli e la battaglia a suon di forchette tra la carne di Mora Romagnola e la Chianina toscana; super partes  Ivan, patròn dell’Hosteria a Fontanelle di Roccabianca di Parma, che propone la Salumoterapia, ‘terapia’ alla scoperta dei salumi, da assaggiare con la vista, l’olfatto e il gusto e tra le eccellenze la vera Carne Scozzese.

Impossibile celebrare la cucina italiana senza dedicare a Lei ampio spazio: Lei è la pizza, e tre maestri mondiali si ritrovano al Festival per offrire il meglio della scuola napoletana: Carmine Ragno, celebre autore della ‘Pizza della nonna’ realizzata con lievito madre (il famoso ‘criscito’); Umberto Fornito, primo campione mondiale di Pizza Napoletana nel campionato del mondo di pizza nel 2005; Giuseppe Capone interprete di successo mondiale della pizza. Insieme a loro, Umbertino Costanzo precoce campione di pizza acrobatica già all’età di 4 anni.

Pizza e… birra, of course: il Festival della Birra mette in scena le creazioni artigianali più qualificate, prima tra tutte l’Amarcord di Apecchio, ma anche la Indian Pale Ale ambrata prodotta nell’Amiata grossetana e la birra cruda di Pordenone.

Ma non solo, vino e acqua vogliono la loro giusta parte: ecco allora le migliori produzioni vitivinicole regionali che potranno essere degustate in uno spazio interamente dedicato al vino, insieme alle Cantine del Consorzio dell’Appennino Romagnolo, ed ecco le famose Acque Termali e digestive della Galvanina.

Grande interesse anche per il Benessere e il Biologico e alle lezioni di pasta con le Sfogline Romagnole: una apposita area sarà dedicata alle dimostrazioni riservate al pubblico, curata dalle storiche “arzdore” che hanno fatto della cucina romagnola un ‘marchio’ di bontà. Contestualmente saranno preparati sughi tradizionali per condire la pasta fresca tirata a mattarello.

Al Ristorante Pomod’Oro venerdì 6 settembre alle 17,30 si discute de “Il pomodoro Italiano: fresco, in cucina o conservato, fonte di benessere” con otto i relatori tra medici, biologi, docenti universitari, produttori e chef.

Domenica 8 settembre alle 12.30 sul palco del Parco Terme si svolgerà il Trofeo Nazionale Galvanina: quest’anno saranno premiati Pier Luigi Celli, presidente di ENIT (Agenzia Nazionale del Turismo), l’imprenditore Leonardo Spadoni del Molino Spadoni e delle Officine Gastronomiche Spadoni, il giornalista enogastronomico di Mediaset Gioacchino Bonsignore, lo chef stellato Niko Romito del ristorante Reale di Castel di Sangro.

Novità di questa edizione il Premio “World Wide Chef”, un riconoscimento speciale all’organizzazione ristorativa che nell’ultimo anno è stata capace di comunicare la propria identità e il proprio lavoro attraverso internet.

Il Festival della Cucina Italiana giunto alla 13ª edizione è da sempre patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Festival della Cucina Italiana
www.festivaldellacucinaitaliana.it
Venerdì 6 settembre ore 16,00-24,00;
Sabato 7 settembre ore 16,00-24,00;
Domenica 8 settembre ore 10,30/22,00.
Ingresso gratuito
Facebook: www.facebook.com/festivaldellacucinaitaliana

 

Print Friendly, PDF & Email