La Locanda degli Artisti, un ristorante del Buon Ricordo
11 Dicembre 2019
Peppe Guida: cucina e pensieri dello chef della pasta
16 Dicembre 2019

Magisa: il riso calabrese, buono e competitivo, è a Sibari

E’ una Calabria moderna quella che si presenta nella Piana di Sibari (Cs): in questo lembo di terra pianeggiante incastrato fra le alture rocciose e frastagliate del Pollino e il Mar Ionio, già scelto dai Greci che vi edificarono un sito commerciale che assunse il nome di Sybaris, il legame degli uomini con il territorio è sempre stato trascendentale e l’ agricoltura ha rappresentato l’ impiego principale.

Superati gli anni di arretratezza, oggi le campagne calabresi appaiono come generosi angoli di creato in cui aziende moderne si occupano di lavorare prodotti di grande qualità, che a volte non vengono direttamente associati con questi territori: è il caso del riso, coltura tipica delle campagne lombarde e piemontesi che anche nella Pianura di Sibari ha trovato il giusto ecosistema per essere coltivato.

In realtà la coltivazione di riso in Calabria ha una tradizione lunga, e a cogliere il potenziale di questa coltura è stata Magisa, un’ azienda dall’ impronta contemporanea che coltiva e trasforma solo varietà della Piana  di Sibari e che dopo anni di esperienza nell’ agricoltura e trasformazione ha deciso di puntare proprio sul riso. Magisa è l’ acronimo di Maria, Giusi e Sara Praino, tre sorelle imprenditrici dallo spirito forte e lo sguardo fiero, che portano con sé tutte le caratteristiche delle donne calabresi: da un lato il temperamento volitivo nel lavoro, senza paura di sporcarsi le mani e andare nei campi, dall’ altro la naturale propensione alla famiglia, che da queste parti è il nucleo attorno al quale si costruisce il resto. Dietro di loro, protettivo come solo un padre può essere, c’è Giancarlo Praino, fondatore dell’ azienda e terza generazione di una famiglia di imprenditori agricoli, che per primo ha inseguito la volontà di realizzare un grande progetto di qualità.

Vivendo la famiglia Praino da vicino, passando dai campi di coltivazione, all’ azienda e soprattutto ascoltando le loro motivazioni, ci è sembrato quasi di rileggere i tratti di appassionanti romanzi di saghe familiari sullo sfondo di campagne sconfinate; il fattore umano in questo contesto rimane centrale e  tutta la famiglia Praino, compresi i mariti delle tre sorelle, si dedica con passione all’ azienda e ci tengono a far conoscere quanta produttività può scaturire dalla volontà di superare luoghi comuni obsoleti, come ci ha detto lo stesso Giancarlo: “Per anni l’ agricoltura calabrese non è riuscita ad ingranare, forse per la mentalità arretrata e perché si era legati a vecchi sistemi e non si puntava in alto. Noi abbiamo voluto produrre qualcosa di buono e unico investendo in formazione, ricerca e adeguamento tecnico”.

Tutto ebbe inizio circa 10 anni fa, quando Giancarlo Praino entrò in contatto con l’esperto di genetica agraria Giandomenico Polenghi, a cui chiese di ideare una varietà ad hoc per la coltivazione presso la piana di Sibari. Dopo aver selezionato alcune linee di risi a pericarpo nero e averle testate presso l’azienda agricola dello stesso Praino, venne finalmente identificata la varietà che successivamente è stata denominata Jemma. Si tratta di un riso Lungo A (come da classificazione Ente Risi) a pericarpo nero, di forma semi affusolata e grossezza media.

Si avvia così un ciclo nuovo in cui Giancarlo Praino e il socio Agostino Rizzo inaugurano l’ azienda con la finalità di lavorare il riso con tecniche del tutto artigianali, chiudendo così l’intero ciclo della filiera. L’azienda dispone di 450 ettari di risaie nella piana di Sibari, coltivate con tecniche agricole a basso impatto ambientale, da cui proviene tutto il riso grezzo che poi viene lavorato nello stabilimento di oltre 700 metri quadri situato a pochi chilometri dai terreni. Le particolari condizioni pedologiche e climatiche della piana di Sibari, come la vicinanza al mare, l’intensità del sole, le temperature miti e la ventilazione costante, consentono di non fare ricorso a trattamenti anticrittogamici e fanno sì che il riso di quest’area presenti caratteristiche uniche. In azienda il riso viene selezionato con cura e confezionato: la filiera brevissima e la cura artigianale in ogni fase del processo tutela ed esalta le qualità organolettiche del prodotto. Ad oggi la gamma di prodotti è evoluta in ben 8 tipologie di riso – Carnaroli, Arborio, Karnak, Originario, Gange, Rosso solitario, Integrale  e Grandi chicchi – a cui di recente si è aggiunto “Jemma”, una cultivar brevettata con licenza esclusiva per la Regione Calabria, dal colore nero e dal sapore aromatico, ideale per accompagnare vegetali e crostacei. La produzione però prevede anche una linea “Gran Riserva” (Arborio, Carnaroli, Gange, Jemma), le farine (di riso bianca, di riso integrale, di riso nero Jemma), le gallette, i risotti “proncottura” e anche il latte di riso.

Sempre nell’ ottica di sostenere un progetto moderno, Magisa ha inaugurato anche il punto vendita annesso allo stabilimento, oltre ad essere entrata in importanti canali di vendita. La qualità del riso e la sua versatilità sono stati presentati nel corso di una cena in cui i cuochi APCI capitanati da Francesco Pucci hanno pensato a ben otto portate con risi diversi, dagli impasti panificati con farina di riso, passando dai primi ai dolci. Proprio la trasformazione del prodotto in ricette prelibate è l’ aspetto che piace molto a Giusi Praino, la minore delle sorelle che in azienda si occupa anche del marketing: “Il riso nero Jemma e la sua farina sono stati subito apprezzati. Addirittura alcuni blogger ci hanno contattato spontaneamente e con i nostri prodotti hanno realizzato dei piatti: vedere il nostro riso trasformarsi in ricette che vengono condivise e apprezzate è una grande soddisfazione. Nostro padre è cresciuto nella terra e ci ha trasmesso il valore del lavoro familiare e ha creato un’ azienda con basi solide. Noi siamo la parte giovane dell’ azienda e siamo molto attenti alla comunicazione anche attraverso i canali social, che puntiamo a sviluppare per far conoscere il nostro riso di Sibari”.

Manuela Di Luccio

Magisa


Zona Industriale Villapiana (CS) 87076

Telefono:
39 0981 56220

www.risodisibari.com

Print Friendly, PDF & Email