Crescita nella domanda di pangasio e tilapia
16 Agosto 2011
La ristorazione è rosa
18 Agosto 2011

80 anni di storia per la bottiglietta rossa di Campari

campari-80-anniQuando, nel 1932, il maestro futurista Fortunato Depero, poeta, scultore, costumista, pubblicitario, disegnatore di arazzi e di macchine teatrali, disegna la bottiglietta a tronco di cono del Campari Soda, aveva già fatto alcune esposizioni con disegni realisti e simbolisti, pubblicato il suo primo il primo libro con poesie, liriche, pensieri, accompagnati da numerosi disegni e partecipato all’Esposizione Libera Futurista Internazionale organizzata dalla Galleria Sprovieri.
Era anche stato esonerato dal servizio militare prestato alla prima guerra mondiale, dove si era arruolato volontario, perché si era ammalato.
A Milano era ormai entrato a far parte del meglio dei futuristi superstiti e delle giovani leve radunate da Marinetti per rilanciare il “Futurismo del dopoguerra”.
Insomma, era già famoso come Depero futurista e aveva iniziato la sua intensa e duratura attività nell’arte pubblicitaria per ditte quali Bianchi, Linoleum, Pathé, Strega, Schering, Verzocchi, Presbitero, Maga, Vido, Banfi.
Ma soprattutto già da alcuni anni aveva dato vita al sodalizio con Campari, per la quale realizzerà oltre cento celebri bozzetti, aveva già  pubblicato il Numero Unico futurista e dipinto il manifesto “Squisito al selz” dedicandolo al commendator Campari. E poi aveva portato a termine il manifesto Se la pioggia fosse di Bitter Campari del  1926-1927, Ho radiotelegrafato un Bitter e un Cordial Campari del 1928 e opere pubblicitarie estremamente interessanti portate a termine per la Campari come Cordial Campari  nel 1933 e in nuova versione nel 1939.
La bottiglietta rossa ha fatto la fortuna di Campari: la ditta fondata era stata fondata a Milano nel 1860 da Gaspare Campari, ma fu rilanciata dal figlio Davide che si concentrò sulla produzione del Bitter Campari e nel 1932 inventò il prodotto che decretò il successo mondiale della ditta: per l’appunto il Campari Soda.
Dopo circa 80 anni, la bottiglietta è prodotta ancora oggi tale e quale in migliaia di esemplari al giorno ed è entrata come icona nella storia del design.
campari-bottigliettaNel 2009, il designer Matteo Ragni, vincitore con Giulio Iachetti del Compasso D’Oro nel 2001 per il progetto Moscardino, ha capovolto il calice trasformando la bottiglietta nello stelo di lo stelo di “Clic”, un bicchiere per l’aperitivo realizzato in 5.000 esemplari da Pandora Design.
Oggi il designer Matteo Ragni per i 150 d’Italia  ripropone la famosissima bottiglietta di 
Camparisoda nel rispetto dello stile originale del maestro del Futurismo.
Si tratta di un’edizione limitata che propone un restyling impercettibile alla vista ma che si rivela al tatto. La bottiglietta è infatti rivestita di una speciale finitura, detta “viplatura”,  un semplice film di gomma che regala una percezione anche tattile dell’aperitivo Camparisoda e che, in tema con le celebrazioni per l’Unità d’Italia ed eccezionalmente diventa verde, bianco e rosso.

Print Friendly, PDF & Email