La colazione sull’erba di Marianna a Wine&TheCity
20 Aprile 2015
Matilde Poggi alla vicepresidenza europea della Cevi
21 Aprile 2015

All’Osteria Da Mario a Bologna

Succede qualche volta di dimenticarsi qualcosa di prezioso in cantina, per poi ritrovarlo anni dopo, felici di quella disattenzione. L’evento di mercoledì 22 aprile alle ore 20,30, all’Osteria Da Mario a Bologna, nasce dal ritrovamento di alcune bottiglie pregiate di champagne De Venoge, dimenticate per oltre quarant’anni nel buio di una cantina. La grande Francia del vino incontra la tradizione bolognese più antica, in una straordinaria degustazione di Champagne De Venoge. Bollicine pregiate con millesimi di grande suggestione e profondità che si sposano alla cucina di Michele Mazzacurati, dell’Osteria Da Mario, a Bologna. Considerata tra le osterie più longeve della città con una storia che affonda fino al 1900, inizialmente era una semplice drogheria e bottiglieria fuori da Porta Saffi, sull’antico tracciato della via Emilia, poi negli anni che seguirono il locale cambiò sede, avvicinandosi al cuore pulsante di Bologna, su via San Felice, e nel 1940 fu presa in gestione dalla signora Maria detta Marieina. Durante la Seconda Guerra Mondiale l’edificio venne danneggiato seriamente dai bombardamenti e si dovette ancora cambiare sede, questa volta in modo definitivo al civico 137 dove si trova oggi, dove Mario, oste burbero e vero lo ha guidato insieme alla mamma Marieina appunto, dal 1940, per poi andare in pensione il 31 dicembre 2008, e chiudere i battenti. Nell’ottobre del 2014, il locale viene rilevato da Michele Mazzacurati insieme al padre, attuando le migliorie indispensabili per adeguarsi alle nuove normative, ma lasciando tutto come era, tenendo fede a una promessa fatta a Mario, nel rispetto dell’illustre passato dell’Osteria, frequentata tra gli altri da Pierpaolo Pasolini, Lucio Dalla, Walter Chiari, Gigi Proietti, Luciano Pavarotti. Da sempre punto di riferimento per il vino di qualità, anche oggi l’Osteria Da Mario non delude le attese e la cantina contiene un grande numero di etichette pregiate dall’Italia e dal mondo. Non a caso l’idea di una verticale di champagne è nata dopo aver rinvenuto nell’estesa cantina del locale, alcune pregiate cuvèe datate 1975 della maison francese De Venoge, fondata nel 1837, ancora perfettamente conservate. Gilles de la Bassetière presidente di De Venoge, Alessandro Federzoni, A.D. di Première che è concessionaria della maison per l’Italia, e Michele Mazzacurati, hanno così lanciato l’idea di una degustazione verticale con quelle pregiate bottiglie, dimenticate per decenni nel buio della cantina, da assaggiare insieme ad altre rare annate della storica maison francese, a cui abbinare i piatti di Michele. Ecco il goloso percorso della serata: aperitivo di benvenuto con piccola stuzzicheria e champagne De Venoge Cordon Bleu Brut; tagliere di salumi tipici e champagne De Venoge Blanc de Blancs 2004 Brut; gateau di patate con salsiccia e scamorza e champagne De Venoge Cordon Bleu 2002 Brut; assortimento di formaggi e mostarde e champagne De Venoge Louis XV 1996 Brut; Parmigiano Reggiano D.O.P. stagionatura 60 mesi e champagne De Venoge Grand Vin des Princes 1975 Brut; pasticceria, biscotteria, cioccolato con frutta fresca. Un occasione per vivere l’esperienza dello champagne in un contesto e con i piatti di uno storico locale bolognese.

Andrea Magri

Osteria da Mario
Via San Felice 137
Bologna
Tel. 051-555232
www.premiereitalia.it

 

 

Print Friendly, PDF & Email