Caffè Arti e Mestieri: qualità, bellezza e cortesia
19 Giugno 2013
Clavesana, cantina democratica
19 Giugno 2013

Bilancio positivo per Cir food

Un bilancio positivo quello conseguito da Cir food nel 2012, con un sostanziale miglioramento rispetto all’anno precedente del 2,1% dei ricavi, che ammontano a 481,3 milioni di euro. Tutto questo in un anno che ha visto una caduta della domanda soprattutto nel mercato interno e dalla stretta di credito imposta alle imprese.

“Abbiamo archiviato positivamente il 2012 nonostante la pesante congiuntura economica – commenta Ivan Lusetti, presidente CIR food – abbiamo migliorato i margini in tutte le nostre aree territoriali, questo grazie al lavoro di squadra e alla strategia di maggiore efficienza e attenzione ai costi, senza mai rinunciare agli alti standard di qualità del nostro servizio a tutela dei clienti e consumatori. Vogliamo infatti che la reputazione che ci riconoscono possa continuare ad essere la nostra assicurazione per il futuro.”

Nel dettaglio delle aree d’affari, il 72,9% dei ricavi – pari a 350,9 milioni di euro – deriva dai servizi di ristorazione scolastica, ospedaliera, assistenziale, militare e aziendale, il 14,4% dagli esercizi commerciali e il restante 12,7% nel segmento ticket-buoni pasto.

Nel complesso CIR food ha prodotto e servito lo scorso anno 76 milioni di pasti e distribuito 10,6 milioni di buoni pasto a marchio Bluticket.

Da segnalare inoltre lo sviluppo occupazionale, che prosegue in controtendenza rispetto ai dati nazionali: CIR food negli ultimi 4 anni è passata da 7.915 occupati del 2009 a 10.754 nel 2012.

In un periodo di pesante calo di liquidità determinato soprattutto dai ritardi nei pagamenti della PA, nel 2012 CIR food ha realizzato investimenti per 17,4 milioni di euro, destinati alla realizzazione di nuove strutture, alla ristrutturazione e al mantenimento in efficienza dei centri cottura e gestioni aziendali, ospedaliere e universitarie, al potenziamento dei sistemi gestionali informativi con applicazioni SAP, al fine di migliorare la performance operativa e contenere i costi. Inoltre CIR food continua a destinare circa 4 milioni di euro nelle proprie distintività per garantire la sicurezza alimentare, la sicurezza sul lavoro nell’intera filiera produttiva, la formazione del personale e l’attività di ricerca e innovazione.

In crescita lo scorso anno anche i numeri del bilancio consolidato, che include le società partecipate: Desio Food Spa, Risto4 Srl, Circostanza Srl, CIR Golden Rest Bulgaria, Esedra Belgio e CIR food USA. Con 485,6 milioni di euro, + 2% rispetto al 2011, e un risultato netto di 13 milioni di euro, il Gruppo CIR food rappresenta anche a livello internazionale una realtà imprenditoriale con risultati positivi.

Per saperne di più: www.cir-food.it

 

Print Friendly, PDF & Email