L’ “Aria di Festa 2013” che si respira ( e si mangia) a San Daniele
24 Maggio 2013
Sheraton Roma, 30 anni di accoglienza
26 Maggio 2013

Dove andare per Cantine Aperte 2013

Seicentomila bottiglie stappate, un migliaio le cantine che aprono le loro porte, più di un milione di enoappassionati. Sono questi i numeri della 21° edizione di Cantine Aperte che domenica 26 maggio si festeggia all’insegna di “A come Amicizia”.

“Cantine Aperte si conferma l’appuntamento di riferimento per gli enoappassionati per conoscere la cultura del vino raccontata in cantina direttamente dai suoi produttori, ma anche per vivere un’esperienza conviviale autentica ed eclettica, a contatto con natura, arte, musica. Una giornata all’insegna di valori quali amicizia, solidarietà e rispetto per l’ambiente” spiega Daniela Mastroberardino, presidente del Movimento Turismo del Vino che organizza l’imponente manifestazione.

I nostri suggerimenti per domenica 26 maggio:

In Trentino, alle Cantine Ferrari Lunelli, tour guidato alla cantina sotterranea con circa 20 milioni di bottiglie e si assiste al sabrage, il colpo di sciabola con il quale si fa saltare il tappo delle bottiglie di bollicine.

In Friuli Venezia Gulia parte il “Winebus Cantine Aperte”, un servizio navetta con partenza da Trieste e Udine: domenica 26 maggio, su prenotazione, si visiteranno alcune delle cantine aperte e si avrà accesso alle degustazioni dedicate. Le Strade del Vino e Sapori FVG, presenteranno in esclusiva la 1° edizione del concorso “Cantina Aperta dell’Anno” organizzato per premiare le 3 aziende vinicole, una per ogni territorio, associate al MTV FVG e alle 3 Strade regionali (del Goriziano, Colli del Friuli, Pordenonesi), ritenute tra le migliori a livello di accoglienza enoturistica.

In Lombardia parte sabato e domenica alle 9.30 da Piazza Duomo a Milano un bus alla volta di una zona di produzione lombarda quale la Franciacorta o l’Oltrepò Pavese. Una delle novità 2003 sono gli appuntamenti Vip proposti da alcune Cantine, tra cui degustazioni verticali di vini particolari di loro produzione. Per chi ama i cimeli, a Montù Beccaria, nella provincia di Pavia, si può ammirare la centenaria botte ‘Mafalda’ donata alla cantina dal re Umberto.

In Veneto nella cantina di Carpenè Malvolti si ospita “DiVino Sognar”, soprattutto quando il sogno che si porta avanti è quello di diventare l’Alfiere del Prosecco, ovvero l’ambasciatore delle bollicine di Conegliano negli eventi più rappresentativi nell’arco di un anno intero. La finale del concorso organizzato da AIS insieme a Carpenè Malvolti e dedicata a giovani sommelier under 30 provenienti da tutta Italia, è infatti fissata in concomitanza con Cantine Aperte e i visitatori che decideranno di trascorrere qualche ora in compagnia di Carpenè Malvolti potranno assistere dal vivo alle fasi salienti della competizione che si concluderà con l’elezione dell’Alfiere del Prosecco 2012.

In Emilia-Romagna, alla cantina Manaresi di Zola Predosa, che dall’alto dei suoi 8 ettari di vigneti sul colle di Bella Vista domina uno dei più bei panorami su Bologna, su tutta la pianura e sulle colline bolognesi, si terrà una ‘flash exhibition’ – solo per il giorno di Cantine Aperte! – ovvero una mostra inedita di dipinti a olio di Paolo Manaresi. In esposizione in cantina una quindicina di opere, in particolare sul tema dei ‘luoghi’, come vedute di città (Bologna, Siena, Pisa, Ferrara, Varallo Sesia). Tra queste il celebre ‘Campanili e Torri a Bologna’, del 1930, quando Manaresi aveva appena 22 anni. L’ospite potrà conoscere il dietro le quinte di un’azienda vitivinicola specializzata, orientata alla qualità, conoscerne la pur giovane storia e confrontarsi faccia a faccia con chi vi lavora ogni giorno seguendo personalmente ogni passaggio.

In Piemonte al Castello di Gabiano, sulle colline di Alessandria, si assiste ad un percorso itinerante alla scoperta della tradizione enogastronomica del territorio e dei prodotti artigianali d’eccellenza esposti dalle aziende leader nel proprio settore; ore 10 tavola rotonda “30 anni della DOC Gabiano: annoverata tra le più piccole e antiche DOC d’Italia”; “Per…Bacco, si parla di…vino: il misticismo del vino, il vino nelle religioni di ieri e di oggi”, a cura di Alessandro Felis; ore 12 e ore 15, passeggiata al labirinto secolare e ai giardini storici con Mario Vietti, architetto paesaggista ed agronomo; ore 13, “A tavola con i Maestri del Gusto: vini e specialità gastronomiche di Torino e Provincia”, a cura di Alessandro Felis; ore 14, workshop “design dell’etichetta del vino” con Caterina De Renzis Sonnino.

Nelle Marche si va dal percorso degustativo enologico e gastronomico al tour in cantina, per visitare barriccaie e bottaie; dal concorso Facebook ‘Attaccalo, fotografalo, taggaci e vinci!” al ‘Corso di Barbecue in cantina’ (Garofoli), fino alla possibilità di ‘degustare’ sculture, opere pittoriche, poesie e libri. E non solo. Uno chef Barilla creerà salse e preparati abbinati ai vini direttamente in cantina (Moroder).

In Umbria è la prima edizione di Cantine Aperte che si terrà alla Tenuta Castelbuono di Bevagna. Al Carapace, la cantina-scultura creata da Arnaldo Pomodoro, potrete vivere l’esperienza di assaggiare i vini della Famiglia Lunelli, mentre verrete guidati alla scoperta della prima opera d’arte in cui si vive e si lavora.

In Toscana non si può mancare la visita a chi ha inventato Cantine Aperte: Donatella Cinelli Colombini. Alla Fattoria del Colle di Trequanda c’è la musica leggera italiana con gli interpreti contemporanei più legati a quel territorio Baustelle, Gianna Nannini e Jovanotti. Sosta successiva nei vigneti e nella tinaia del vento costruita per produrre Brunello con lieviti autoctoni. Qui la colonna sonora cambia davanti allo scenario incontaminato della Val d’Orcia, la campagna patrimonio dell’Umanità Unesco: due brani di Vinicio Capossela insieme a vini freschi e fruttati come il Sanchimento e il Rosa di tetto IGT bianco e rosato. L’effetto è quello della natura percepita con tutti i sensi. Atmosfera completamente diversa nella bottaia dove l’assaggio del Brunello e del Brunello Riserva del Casato Prime Donne avviene in un’atmosfera meditativa: penombra e luci di candela, musica di Paolo Conte poltroncine per sedersi e lasciarsi andare alle suggestioni.

In Puglia, dalla Daunia al Salento, l’evento sarà contraddistinto anche da una divertente novità: Brinda e Posta, il concorso video su Facebook dedicato al tema “un brindisi ai 20 anni di Cantine Aperte”. Domenica 26 maggio ai turisti in vacanza nel Salento, PugliaPromozione offre l’opportunità di andare per cantine in bus con guida, gratuita, con partenza da Lecce. L’azienda agraria Duca Carlo Guarini di Scorrano (Lecce), presenta “Pentagrappoli: il suono del vino”, con il Luca Chiaraluce Quartet. Cinque vini hanno ispirato cinque composizioni musicali originali per pianoforte, contrabbasso, batteria e tromba, create dal polistrumentista Luca Chiaraluce, suonate con strumenti artigianali costruiti dal musicista. Il primitivo Boemondo, i negroamaro Pìutri e Natívo, la malvasia nera Malìa e il passito Ambra da sauvignon blanc sono i protagonisti di Pentagrappoli: un Cd originale, che sarà dato in omaggio nella confezione speciale con i cinque vini in vendita in azienda e nei negozi specializzati, e il concerto-degustazione del 27 maggio.

In Campania in quasi 30 aziende si andrà per vigne e bottaie alla scoperta della Campania del vino. Venti eccellenze gastronomiche, dai formaggi ai taralli, ai prodotti dell’orto e mozzarella di bufala Campana D.O.P,, saranno inoltre abbinate ai vini. E ancora. Tour nei vigneti, escursioni nel Parco Nazionale del Vesuvio, visita della barricaia inserita all’interno di uno spazio ricavato dallo scavo della pietra lavica del Vesuvio (Villa Dora),feste contadine e la preparazioni di piatti live a cura di un cuoco Barilla (Terredora di Paolo). Nella Bottaia storica (anno Mille) di Terre Del Principe va di scena il concerto del Quartetto Partenopeo, con musiche del repertorio napoletano dal ‘600 al ‘900 (a cura dell’Associazione ex Allievi Conservatorio San Pietro a Majella).

In Sicilia, Feudo Ramaddini invece ospiterà l’Associazione Cuoche a Domicilio che reinterpreteranno le ricette tipiche regionali.

Ma questi sono solo alcuni tra i mille luoghi di Cantine Aperte dove trascorrere una domenica con la “A come Amicizia”.

Per saperne di più: www.movimentoturismovino.it

 

Print Friendly, PDF & Email