Vigilius Mountain Resort, a scuola di sostenibilità
26 Aprile 2016
Pietro Parisi premiato come Testimone dei diritti umani
27 Aprile 2016

Il 1° Maggio a Modena con la Cucina Rotonda

Gli chef emiliani appartenenti ai Jeunes Restaurateurs d’Europe e gli chef di Modena a Tavola, domenica 1° maggio saranno i protagonisti del pranzo itinerante sotto i portici della città di Modena.
Il Portico del Collegio di Modena diventerà una grande Cucina Rotonda, con le postazioni di 12 chef coinvolti nell’interpretazione della cucina emiliana, per un percorso in quattro tappe di degustazione.
Quattro chef italiani dei Jeunes Restaurateurs d’Europe – emiliano-romagnoli per la precisione – guidano le quattro postazioni culinarie dove daranno vita alle loro personali interpretazioni dei piatti della tradizione regionale e dei Prodotti Tipici del territorio. Ma non saranno soli: in ogni gazebo la brigata è completata da due chef del Consorzio Modena a Tavola, che riunisce i migliori ristoranti cittadini. Qui, in ciascuno dei quattro gazebo, saranno serviti un assaggio di primo o antipasto, un secondo e un dolce.

Banner FB La cucina rotonda OK

Naturalmente non mancano le tappe dove rinfrescare la gola: ci saranno anche 3 corner dedicati al vino, dove i Sommelier dell’AIS propongono le quattro DOC del Lambrusco selezionate dal Consorzio Marchio Storico: il Lambrusco di Sorbara, il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro, il Lambrusco Salamino di Santa Croce, il Lambrusco di Modena.
Il pubblico può scegliere se degustare tre assaggi sostanziosi con il ticket da 15 euro – che comprende anche una bottiglietta d’acqua o un calice di vino – oppure cinque assaggi con il ticket da 23 euro, che anche in questo caso dà diritto anche a una bottiglietta d’acqua o al Lambrusco.
Una volta acquistato il ticket presso le due casse presenti in loco, dalle 12 alle 15 i partecipanti hanno tutto il necessaire per cominciare il loro giro di degustazioni e possono scegliere se mangiare passeggiando, oppure approfittare dei punti degustazione allestiti lungo il percorso.
E’ un modo più coinvolgente di partecipare alle degustazioni: i partecipanti al pranzo possono vedere così gli chef al lavoro e rendersi conto delle diverse interpretazioni, dialogare con loro e comporre il proprio pranzo lungo il percorso sotto il Portico, nel cuore della città.
La manifestazione è organizzato da Modena a Tavola con il Patrocinio del Comune e della Camera di Commercio, Piacere Modena, Slow Food Modena, A.I.S. e il supporto di BPER Banca e Aceto Balsamico del Duca.

Print Friendly, PDF & Email