Aria di Alba® soffia a Hong Kong
19 Settembre 2013
Risotto alle castagne di San Mauro, stracul di maiale e Grana della Lessinia
19 Settembre 2013

Il cibo italiano partner di Milano Moda Donna

www.ristorazionecatering.it

Sono i due capisaldi del Made in Italy nel mondo e in questi giorni vivono in simbiosi a Milano: stiamo parlando della moda e del cibo italiano che si contaminano a vicenda in occasione di Milano Moda Donna, in corso nella metropoli lombarda fino al 24 settembre.

L’inaugurazione ha visto protagonista il Re dei salumi, il nobile Culatello di Zibello DOP che è stato offerto nel corso dell’esclusivo Welcome Brunch con cui la Camera Nazionale della moda  ha dato il benvenuto agli operatori internazionali del settore, nel primo giorno della settimana di Milano Moda Donna edizione 2013.

Nella ricca cornice del Diana Majestic, il Culatello di Zibello è stato servito ai 300 selezionatissimi ospiti, affettato e accompagnato come è tradizione dal pane tipico della Bassa parmense, unica zona di produzione del Re dei salumi.

L’occasione è stata un’opportunità per rilanciare il concetto di elevata qualità della produzione, che accomuna molti settori del Made in Italy, dalla moda all’agroalimentare, e per accendere i riflettori su un prodotto artigianale di grande pregio come il Culatello di Zibello, ancora oggi rigorosamente lavorato a mano.

Mentre, nel cuore di Milano, è in corso Good Food in Good Fashion, un progetto nuovo nel suo genere, promosso dall’Associazione Maestro Martino, rappresentata dallo chef Carlo Cracco e istituita per promuovere il territorio lombardo e le sue eccellenze, attraverso la Cucina d’Autore. Durante questi sette giorni sono otto gli Hotel 5 stelle che hanno colto la “sfida”: Armani Hotel Milano, Hotel Boscolo Milano, Bulgari Hotel Milano, Hotel Château Monfort, Four Seasons Hotel Milano, Palazzo Parigi Milano Hotel & Grand Spa, Park Hyatt Milan e The Westin Palace Milan.

“Promuovere la cultura del territorio, del gusto e della sostenibilità attraverso la creazione di una rete di operatori eccellenti del Made in Italy è il modo migliore per cogliere tutte le opportunità che un grande evento come Expo offre e per il quale l’intera filiera dell’ospitalità del territorio è già al lavoro – afferma Carlo Cracco, presidente dell’associazione Maestro Martino promotrice del progetto – credo che GOOD FOOD IN GOOD FASHION rappresenti un ottimo esempio di come sia utile e strategico fare sistema tra operatori eccellenti. L’impegno, inoltre, degli hotel a 5 stelle ad utilizzare prodotti agroalimentari del territorio per la preparazione degli appetizers in chiave Expo rappresenta un passo concreto per aiutare l’agricoltura di qualità lombarda”.

Nelle loro straordinarie location, luoghi d’elezione dell’ospitalità e punti di ritrovo per i protagonisti della moda internazionale presenti a Milano, si potranno degustare “fashion appetizers” realizzati dagli autorevoli chef di casa, che utilizzeranno prodotti del territorio lombardo. Si andrà in scena tutte le sere della settimana della moda milanese, dalle 19.00.

“Iniziative come Good Food in Good Fashion rappresentano il palcoscenico ideale per raccontare al mondo il tema di Expo Milano 2015, ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’ – spiega Giuseppe Sala, Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 -. Cibo e moda sono infatti elementi di qualità grazie ai quali il Made in Italy è apprezzato all’estero. Un connubio, quello tra Food e Fashion, che verrà esaltato durante l’Esposizione Universale che si terrà a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre 2015. L’eccellenza italiana in cucina e in agricoltura trova nelle serate in cui Milano si fa Capitale della moda un banco di prova importante per sperimentare e dare forma alle opportunità di crescita offerte da Expo 2015. Le degustazioni che i migliori chef prepareranno negli hotel che hanno aderito al progetto non saranno solo speciali creazioni culinarie. Sposando i principi di sostenibilità e di condivisione dell’Esposizione Universale di Milano, saranno strumento per valorizzare la cultura del territorio e la tradizione gastronomica del nostro Paese”.

Gli Executive Chef che presenteranno la  loro “collezione di piatti Prèt à Manger a filiera corta”:

Gian Domenico Melandri  – Armani Hotel Milano, Umberto Vezzoli – Hotel Boscolo Milano, Andrea  Ferrero – Bulgari Hotel Milano,Marco Offidani – Hotel Château Monfort, Sergio Mei – Four Seasons Hotel Milano, Diego Giglio – Palazzo Parigi Milano Hotel & Grand Spa, Andrea Aprea – Park Hyatt Milan, Augusto Tombolato – Hotel  The Westin Palace Milan

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email