Noi di Sala: i protagonisti dell’ospitalità nella ristorazione italiana
14 Novembre 2019
Rocco Pozzulo, presidente FIC, spiega il ruolo della Federazione Cuochi Italiani
18 Novembre 2019

Il Ristorante del futuro

A Milano, cinque start up presentano la chiave per la gestione ottimale di un ristorante: il futuro del settore in chiave food & tech.

Il progetto è ambizioso e nasce dallo spirito imprenditoriale di cinque giovani start up che hanno studiato un modello innovativo che semplifica il lavoro dei professionisti della ristorazione.

Attraverso una metodologia basata sull’utilizzo di piattaforme digitali e applicazioni web, la proposta comprende approvvigionamento, uso di semilavorati, buoni pasto digitali e logistica efficiente: tutto ciò che può servire per rendere maggiormente performante il lavoro degli chef in un pacchetto gestionale completo.
Opinione favorevole a questa innovazione tecnologica ha manifestato APCI, Associazione Professionale Cuochi Italiani, tramite il suo rappresentate lo chef Matteo Scibilia che ha affermato: “Il Ristorante del Futuro è una grande opportunità per tutto il mondo della ristorazione e dei pubblici servizi per portare avanti un’innovazione tecnologica, ma anche dei servizi di distribuzione, che oggi sono elementi fondamentali per il nostro lavoro: la possibilità di acquistare in poche quantità, avere la merce direttamente in casa e un sistema di logistica e di servizio veramente notevole rappresentano un enorme passo avanti”.

Punto di partenza per una cucina efficiente, e spesso nota dolente per i ristoratori che non hanno molto tempo da dedicarvi, l’approvvigionamento delle materie prime. Deliveristo lo risolve attraverso un sistema di piattaforma online, nata per accorciare la filiera e favorire lo scambio e la conoscenza tra piccoli e medi produttori e operatori del food, offrendo a chef e ristoratori la possibilità di scegliere, ordinare e ricevere. Tre i punti di forza di Deliveristo: semplicità, i ristoratori acquistano online, hanno un solo interlocutore e un unico punto di fatturazione; nessun ricarico, perché il servizio è gratuito per il ristoratore; ricerche personalizzate, effettuate da specialisti dell’alimentazione che si mettono a disposizione per definire menu e cercare i prodotti necessari in un’ampia gamma e categoria di alimenti.  Attualmente sono oltre 200 i produttori selezionati da Deliveristo con più di 5000 prodotti. Un centinaio di ristoranti a Milano, tra cui nomi eccellenti, hanno scelto Deliveristo per i loro acquisti.
EatsReady è la start up che si incarica di rendere più semplici le operazioni di cassa: si tratta di un innovativo metodo di pagamento digitale che unisce utenti, aziende e attività del settore attraverso forme di pagamento rapide – buoni pasto, carte di credito o debito, punti fedeltà. EatsReady risolve i problemi del mercato dei buoni pasto alle migliori condizioni, senza apparecchiature dedicate o ulteriori costi. Una app è sufficiente per pagare in modo semplice e intelligente e ricevere i pagamenti, su ogni dispositivo – smartphone, PC o tablet – anche integrando il servizio attraverso il sistema di cassa o il Pos. La gestione è facile, le commissioni convenienti.
L’innovazione, però, comprende anche soluzioni pratiche per coloro che hanno riservato la propria attività, totalmente o parzialmente, alla consegna di pasti a domicilio, tendenza sempre più in auge che potrebbe in molti casi rivelare delle criticità come il malcontento del cliente che riceve la pizza fredda o il piatto poco invitante a causa del trasporto. Hot Box è la soluzione proposta: un contenitore termico tecnologicamente studiato: una tecnologia brevettata che combina due sistemi – HotAir, che mantiene la temperatura del cibo a 85°C, e SteamFree, che espelle l’umidità del cibo, conservandone la giusta consistenza – e offre in questo modo una soluzione innovativa per il delivery, garantendo la possibilità di trasportare cibo caldo per oltre 40 minuti. Forti degli ottimi risultati ottenuti da Hot Box, è allo studio un pacchetto che comprenderà la delivery platform, lo scooter e il fattorino e, naturalmente la Hot Box, per un servizio completo che risolva al ristoratore il problema di fornire cibo perfetto anche in consegna.
In tema di soluzioni gestionali software, per affrontare in maniera efficiente tutto ciò che concerne food delivery, ordinazioni self-service, gestione semplificata buoni pasto, magazzino, food cost, loyalty oltre allo scontrino elettronico, la risposta è Scloby, la prima piattaforma software italiana per il punto cassa inCloud. In pochi tocchi si integra con decine di app e servizi specializzati, come ad esempio Eatsready e Deliveristo.
Si chiude il cerchio. Resta un ultimo problema da risolvere ma per questo ci pensa Soul-K. Infatti, a che servono tutte le facilitazioni gestionali se alla base esiste una difficoltà di performance in cucina? Soul-K è la prima B2B Food As A Service company: semilavorati di qualità che, studiati secondo i dati rilevati da un algoritmo, intercettano i trend e i comportamenti dei consumatori allo scopo di sveltire, facilitare e migliorare il lavoro in cucina, migliorando al tempo stesso lo standard qualitativo e incrementando i margini operativi.
È la nuova frontiera della ristorazione che avanza in un mercato, quello dell’ho.re.ca., che negli ultimi 5 anni ha visto profondi mutamenti e ha dovuto affrontare un rivoluzionamento dei metodi di lavoro. Oggi, il ristoratore ha la possibilità di usufruire di una tecnologia avanzata che è il partner migliore per agevolare e semplificare le operazioni quotidiane permettendogli di riservare tempo per altre attività.
Matteo Scibilia ha concluso: “Risolvere il problema degli approvvigionamenti, per esempio, è una risposta concreta che consente di evitare magazzino e scorte con evidenti vantaggi in termini di igiene, costi e sicurezza; i semilavorati di qualità sono un valido supporto nella gestione del personale e degli spazi. La tecnologia è fondamentale per affrontare il cambiamento epocale che stiamo vivendo e la semplificazione è un elemento basilare”.

Il futuro della ristorazione, dunque, passa per il binomio tradizione-innovazione. Saper conciliare questi due punti strategici con un metodo di lavoro efficace e all’avanguardia significa pertanto affrontare e risolvere i problemi del settore con concretezza.

Il Ristorante del Futuro è la nuova formula, quella del domani.   

Marina Caccialanza

Print Friendly, PDF & Email