www.ristorazionecatering.it
Emanuele Forcone riporta in Italia la Coppa del Mondo di Pasticceria
27 Gennaio 2015
www.ristorazionecatering.it
Cucina di frontiera, ricette di Lucia Antonelli
28 Gennaio 2015

Italiani, timida ripresa dei consumi alimentari

www.ristorazionecatering.it

Prezzo del petrolio in calo, tasso d’inflazione ai minimi storici: gli ultimi mesi del 2014 evidenziano un lieve aumento dei consumi alimentari.
Non si può parlare di ripresa ma un pizzico di ottimismo è lecito. Secondo i dati diffusi dal Panel famiglie Ismea Gfk/Eurisko, infatti, si evince un recupero della spesa per alimenti e bevande di circa mezzo punto percentuale su base annua, sebbene esistano tuttora evidenti discrepanze tra i settori.
Dopo un 2013 drammatico, il dato consente una riflessione positiva e lancia un segnale che prelude per lo meno a uno stop del trend flessivo che ha caratterizzato il periodo recente.
Ma vediamo qualche cifra: aumenta del 5,6% la spesa per i derivati dei cereali, soprattutto biscotteria, con un buon posizionamento dei dolciumi in generale (+ 4% in valore);  mentre oli e grassi vegetali sono in crescita per un 6,1% con un 3,3% degli oli extravergine di oliva. Buoni i risultati per i prodotti ittici che dopo il crollo subito nel 2013 recuperano l’1,8% e per le carni fresche (0,7% in valore) dove compare un notevole divario tra carni bovine e avicole che aumentano rispettivamente dell’1,5% e del 4,7% mentre le carni suine perdono il 6,5% con una diminuzione nel consumo di salumi pari allo 0,8%.
Sembra che gli italiani abbiano dato la loro preferenza a prodotti ortofrutticoli trasformati a discapito di quelli freschi e abbiano diminuito il consumo di derivati del latte, in particolar modo formaggi (-0,9%); ma appare evidente l’aumento dei consumi beverage con un + 3,3% rispetto all’anno precedente, soprattutto grazie alle acque minerali.  Meno 0,2%, invece, ancora per i vini.
Insomma un timido 0,6% in più relativo ai consumi dei primi 11 mesi del 2014. Non è ancora il momento di cantare vittoria – di strada da fare per uscire dalla crisi ce n’è tanta – ma forse gli italiani, stanchi di rinunce, stanno mandando un messaggio chiaro: la voglia di farcela non manca, è già qualcosa.

Marina Caccialanza

Print Friendly, PDF & Email