“Elior Excellence”
8 Ottobre 2015
Cibo Civile: tutta una filiera etica e sostenibile
12 Ottobre 2015

Miglior Sommelier d’Italia ASPI 2015

Daniele Arcangeli è il Miglior Sommelier d’Italia ASPI 2015, proclamato al termine della finale del concorso svoltasi il 4 ottobre presso Campari Academy a Sesto San Giovanni.
Toscano di Viareggio, Arcangeli ha conquistato il titolo superando i colleghi Giacomo Morlacchi e Marco Grassi che hanno affrontato con lui le impegnative prove in programma che comprendevano performance di servizio, degustazione di vini, birra, caffè e distillati, dimostrando profonda conoscenza teorica e pratica e capacità di abbinamento ai cibi.
I contendenti il titolo si sono cimentati, inoltre, nella realizzazione di uno spritz rivisitato, novità di quest’edizione, che ha costituito materia di un premio speciale indetto da Campari, azienda partner del concorso, e vinto dal giovanissimo Silvio Galvan, mentre Giacomo Morlacchi ha superato tutti gli avversari vincendo il Premio Birra Moretti.
Sommelier dell’Associazione della Sommellerie Italiana (ASPI) e attualmente consulente, Daniele Arcangeli vanta un’esperienza ventennale presso le migliori strutture ristorative e alberghiere italiane ed estere; appassionato di enogastronomia ha dimostrato ampia cultura e disinvoltura nell’affrontare le prove, svolte anche in lingua inglese, sfoggiando indispensabile padronanza della materia e della tecnica.
Ancora una volta il Concorso Miglior Sommelier d’Italia di ASPI ha dato dimostrazione di come il ruolo del sommelier sia in costante evoluzione. I protagonisti della gara hanno dato testimonianza del fatto che le competenze oggi richieste a un sommelier professionista sono ampie e specialistiche, come ha dichiarato il presidente di ASPI Giuseppe Vaccarini: “Non più solo un somministratore di bevande, ma un professionista in grado di spaziare nel vasto mondo del bere e delle arti culinarie con conoscenze e competenze che abbracciano ogni disciplina; una figura strategica all’interno dello staff dei migliori locali con un ruolo concreto nell’intera organizzazione, un fine conoscitore dell’arte dell’accoglienza che sa interpretare i gusti dei clienti al fine di consigliarli al più alto livello professionale”.

Marina Caccialanza

Print Friendly, PDF & Email