Yes! Il concorso di Barilla per i giovani del mondo
24 Giugno 2013
Il sogno di Farinetti: Eatalyworld a Bologna
25 Giugno 2013

Mondo Lambrusco Day a New York

Massimo Bottura, Mario Batali, Emilio Barbieri, Cesare Casella e Michael White: nomi noti a chi ama la cucina, chef di prestigio internazionale che, a New York il 26 e 27 giugno, saranno protagonisti di Mondo Lambrusco Day.

Due giorni di degustazioni, incontri, conversazioni in quello che è stato definito “l’agorà della filosofia frizzante del Lambrusco” che vedrà il suo culmine al Culinary International Center di New York il 27 giugno con collegamenti video a Modena all’Osteria Francescana dello Chef Massimo Bottura e con lo Chef Mario Batali in Michigan.

Ad organizzare l’evento l’Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna in collaborazione con il Consorzio Marchio Storico dei Lambruschi Modenesi e con il Consorzio Marchi Storici dei Vini Reggiani. Ma non da meno è il ruolo che ha avuto l’associazione itchefs-GVCI, grazie al suo coordinatore Rosario Scarpato che ha coinvolto gli chef italiani di New York, mettendo a disposizione la sua profonda conoscenza del mercato americano.

A conversare nell’agorà con gli ospiti americani ci saranno invece il giornalista Giorgio Melandri, lo Chef Emilio Barbieri (Ristorante Strada Facendo di Modena), Pierluigi Sciolette e Davide Frascari Presidenti dei Consorzi del Lambrusco di Modena e di Reggio Emilia. 

Diciotto le aziende vinicole che hanno presentato 32 referenze di Lambrusco DOC che saranno degustate anche in altri famosi ristoranti e punti vendita di New York: La Battagliola (MO), Garuti Elio (MO),  Cleto Chiarli (MO), Cantina di Carpi e Sorbara (MO), Paltrinieri Gianfranco (MO), Pezzuoli (MO), Villa di Corlo (MO), Vini Zucchi (MO), Cavicchioli U. & Figli (MO), Opera 02 (MO), Cantina della Volta (MO), Riunite & CIV (RE), Cantina Puianello (RE), Cà De Medici (RE), Donelli Vini (RE), Medici Ermete e Figli (RE), Lini 1910 (RE), Rinaldini Az. Agr. Il Moro (RE).

Un evento che conferma la ledersi del Lambrusco come vino italiano più amato sul mercato statunitense, per la freschezza e la fragranza di profumi, il moderato grado alcolico 10,50 gr e il giusto rapporto tra prezzo e qualità.

 

Print Friendly, PDF & Email