We love Pistacchio verde di Bronte Dop
21 Settembre 2012
Gli chef ambasciatori dell’immagine di Bologna nel mondo
21 Settembre 2012

Da ottobre a dicembre torna Girolio d’Italia

girolio-d-italiaIl prossimo 13 ottobre partirà Girolio d’Italia, la staffetta del gusto organizzata dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio in collaborazione con i coordinamenti regionali, dedicata quest’anno al tema del Paesaggio Olivicolo. Dalla Puglia al Trentino, un gustoso viaggio che terminerà il 22 dicembre in provincia di Trento.

“Il paesaggio olivicolo è un patrimonio inestimabile da tutelare – commenta il Presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio Enrico Lupisia per l’importante contributo che conferisce all’agricoltura italiana con i suoi frutti che per la cultura millenaria che racconta.Da una recente ricerca è emerso che negli ultimi 100 anni oltre 10 milioni di ettari di superficie olivetata sono stati abbandonati: un dato da non sottovalutare, se si considera che l’Italia conta “appena” 30 milioni di ettari olivetati. Per questo motivo dobbiamo mettere in atto e da subito, strategie non solo di tutela ma anche di promozione e valorizzazione per riportare l’attenzione e l’interesse su questa attività. Come? Fornendo ai territori, ai cittadini ed agli olivicoltori tutti gli strumenti che permettano la conservazione ed il miglioramento del paesaggio olivicolo affinché diventi reddito, come strumento di marketing per le aziende e come strumento turistico per le nostre Città dell’Olio”.

Le tappe di questo progetto  sono diciotto e altrettante saranno le piazze italiane in cui si assaporerà il gusto dell’oro giallo e si parlerà di argentee distese con convegni tecnico scientifici e divulgativi dedicati al paesaggio olivicolo e alla tutela del territorio, degustazioni di olio, mostre dedicate, visite ai frantoi, eventi musicali, antichi mercatini, spettacoli di piazza, manifestazioni folcloristiche, corsi di cucina con olio extravergine, coinvolgimento delle scolaresche e premiazioni dei migliori uliveti.

In apertura di ogni tappa, la cerimonia istituzionale di passaggio del testimone, consistente nella consegna di una pianta di cultivar tipica della regione ospitante la tappa precedente – da donare a una scuola – e nella firma da parte dell’assessore regionale all’agricoltura della simbolica pergamena disegnata appositamente dall’illustratore Ro Marcenaro con i colori del Mediterraneo, dall’azzurro del Mare Nostrum al verde di quegli oliveti a cui l’edizione 2012 di Girolio d’Italia è interamente dedicata.

Quella del 2012 sarà inoltre una edizione all’insegna della tecnologia e dei new media: tutte le tappe saranno seguite da foodblogger.

Print Friendly, PDF & Email