Cuori Leggeri Amadori miglior prodotto 2011
3 Febbraio 2011
Appuntamento con Pasta Trend dal 2 Aprile a Bologna
3 Febbraio 2011

In crescita le quotazioni di Parmigiano Reggiano

forme-parmigiano-reggianoNessun record particolare per il Parmigiano-Reggiano nel 2010, ma per ritrovare quotazioni analoghe occorre risalire al 2003, quando il prodotto registrò una media annua di 9,25 euro/kg. Da allora iniziò una progressiva flessione interrottasi solo negli ultimi due mesi del 2009, quando si è avviata una ripresa che a fine 2010 ha visto risalire i prezzi ad una media di 9,14 euro/kg, con un incremento del 19% sull’anno precedente e un +23,5% sul 2008, quando la media risultò pari a 7,40 euro/kg. 
I valori appaiono peraltro in crescita: se le quotazioni del 2010 riferite alla produzione 2009 sono andate oltre i 9 euro/kg, la produzione dei primi mesi 2010 commercializzata nello stesso anno ha fatto segnare una media di 10,34 euro/kg.
 “Dopo anni di quotazioni al di sotto dei costi di produzione – sottolinea il presidente del Consorzio del Parmigiano-Reggiano, Giuseppe Alai – il 2010 ha finalmente segnato una decisa inversione di tendenza, ed è un evento tutt’altro che casuale: tre anni di flessione produttiva, l’ottimo andamento delle esportazioni e le azioni di ritiro effettuate nel 2008 e nel 2009 da parte dell’Agea, associate a quelle messe in atto dallo stesso Consorzio per le azioni promozionali sui mercati esteri (131.000 forme nel biennio), hanno consentito una forte riduzione delle scorte e il conseguente rilancio del mercato, confermando il fatto che una gestione ordinata dei flussi produttivi resta la più efficace arma per la tutela dei redditi dei produttori”.
Il buon andamento del Parmigiano-Reggiano è confermato anche da altri valori: le giacenze, a novembre, risultavano  in calo del 13,3% sull’anno precedente, e alla flessione dei consumi interni, pari all’1,2%, corrispondeva un incremento dell’export del 12%, ovvero cinque punti in più rispetto al 7% del 2009; la quota indirizzata oltre i confini nazionali sale così al 30%, ed incrementi record si sono registrati negli USA (secondo mercato dopo la Germania) con il 30% e in Giappone (+20%), mentre nella UE la crescita è stata dell’8,9%, del tutto analoga a quella del 2009.
La produzione è intanto salita del 2,44%, portandosi a 3.018.260 forme: un numero sostanzialmente allineato con la produzione 2008 e in crescita di 72.000 unità rispetto al 2009.
Per saperne di più: www.parmigiano-reggiano.it
Print Friendly, PDF & Email