Eblex e Jolanda de Colò: tutto il piacere della carne
16 Giugno 2014
CIR food, crescita e tutela del lavoro
17 Giugno 2014

Sotheby’s: Ornellaia fa sognare l’Infinito

Quale parola poteva racchiudere la sintesi della vendemmia Ornellaia 2011? L’Infinito… evocativo richiamo alla poetica, in questo caso coniugata alla Natura, alla Vigna, quale fonte di ispirazione per anima e sensi. A interpretarne il carattere, l’azienda vinicola di Bolgheri ha incaricato Rodney Graham, artista canadese considerato tra i più interessanti esponenti dell’arte intellettuale contemporanea, il quale ha creato un’opera esclusiva e singole etichette firmate in originale per rivestire 111 grandi formati di Ornellaia.

L’idea si inserisce nel progetto “Vendemmia d’Artista”, avviato dalla casa vinicola nel 2009 con lo scopo di recuperare il valore del mecenatismo culturale: “in sei edizioni l’iniziativa ha raccolto oltre 1 milione di euro” ricorda Giovanni Geddes, AD di ORNELLAIA, donati a Fondazioni come il Whitney Museum di New York, il Neue Nationalgalerie di Berlino, la Royal Opera House di Londra, H2 Foundation di Hong Kong e il Museo Poldi Pezzoli di Milano.

Qualche giorno fa invece 9 lotti che includevano 8 delle speciali bottiglie firmate da Graham per Vendemmia d’Artista Ornellaia 2011 L’Infinito sono state battute da Sotheby’s per 86.000 Euro, interamente dobati all’AGO, Art Gallery of Ontario.

“Ornellaia 2011, un immenso inebriante, potente bouquet di mirtilli ed erbe selvatiche, intenso ed enfatic. – afferma Serena Sutcliffe, MW responsabile del dipartimento internazionale del vino di Sotheby ‘s – Sapori fantastici di cioccolato, con il tannino avvolto da glicerolo. Tutto il Mediterraneo in una bottiglia”.

Grande l’apprezzamento per l’interpretazione artistica di Rodney Graham, il quale ha composto alcune poesie riprodotte sulle etichette con tecniche tipografiche tradizionali: i 100 Doppio Magnum presentano una poesia impaginata in un’etichetta dalla sagoma geometrica e regolare, le 10 Imperiali e l’unica Salmanazar, ciascuna contraddistinta da una poesia e un’etichetta di forma diversa, sono esemplari unici ed esclusivi. I componimenti sono poi stati raccolti nel libro Short Poems of Merit che, firmato e numerato, accompagna ogni bottiglia.

Graham spiega come è nata l’idea di ispirarsi alla poesia: “Per l’incarico di Ornellaia ho deciso di affrontare la sfida di creare un’etichetta di un artista interpretata dal personaggio di un poeta, in questo caso un autore di versi illuminati. Vino e poesia. Alcune delle poesie che ho scritto sono sul vino, alcune altre sono scritti sotto l’influenza di esso. Alcune in rima e tutte sono scritte con vena umoristica. Ho esplorato varie possibilità tipografiche e di layout per testi e questi hanno portato a singole forme geometriche che compongono le undici diverse etichette”.

Axel Heinz, enologo e direttore di produzione  di ORNELLAIA, sottolinea come “con l’annata 2011, Ornellaia torna all’espressione tipicamente mediterranea del territorio bolgherese. Annata intensamente soleggiata e asciutta ma senza nessun eccesso, Ornellaia 2011 ci ha consentito di raggiungere un perfetto livello di maturazione regalando un vino denso, di grande intensità aromatica, ma allo stesso tempo fino, complesso e perfettamente bilanciato. La bocca lascia un’impressione grande concentrazione con una struttura tannica imponente, ma particolarmente vellutata e levigata permettendo al vino di espandersi in tutta la bocca senza lasciare nessuna pesantezza”.

 

Per approfondimenti: www.ornellaia.com

 

Alessandra Locatelli

Print Friendly, PDF & Email