Elogio delle straniere
22 Dicembre 2010
assaggio-parmigiano
Parmigiano Reggiano un viaggio nelle terre del re dei formaggi
22 Dicembre 2010

Le strategie di Bonduelle

Luca-CeratiRisponde Luca Cerati, Direttore divisione Bonduelle Food Service

Sui prodotti di IV gamma c’è ancora scarsa conoscenza delle opportunità offerte dall’innovazione di prodotto. Quali sono le vostre strategie per dare una risposta a questi dubbi e alle attese dei consumatori?
Partendo dal principio che bisogna evitare di generalizzare – infatti sono sempre di più i consumatori che utilizzano la IV gamma con tranquillità – il nostro lavoro si concentra nel far parlare il prodotto, quindi la parola d’ordine è qualità, qualità, qualità.
Produrre IV° gamma è estremamente complesso a causa della produzione quotidiana e del limitatissimo livello di trasformazione necessario.
Può sembrare un paradosso, ma proprio il fatto che il nostro obiettivo è portare tutti i giorni, dal campo alla tavola del consumatore, una foglia d’insalata più fresca, più pulita ma più “naturale” possibile rende tutto molto complesso.  Le aree d’intervento sul prodotto in se stesso sono limitatissime, quindi ogni euro speso viene investito per dare al nostro ristoratore la migliore insalata più pulita possibile ma anche più naturale possibile.

Il canale food service quali benefici può avere dai prodotti di IV gamma?
I benefici sono semplici: elevata qualità, standard di preparazione dei pasti, igiene ma ad un basso costo. Mentre i primi tre vantaggi sono intuibili il quarto è spesso non considerato, invece le garantisco che, su un intero anno di servizio di insalate in un ristorante, il vantaggio economico è importante in quanto si aggira intorno al 20%.
Come si sta sviluppando la ricerca e l’innovazione in questo settore?
Non vorrei ripetermi, ma la nostra innovazione è di sistema e coinvolge tutta la filiera dai campi, all’industria, alla logistica. L’obiettivo è sempre lo stesso: ogni euro viene concentrato per dare al nostro ristoratore la migliore insalata più pulita possibile ma più naturale possibile.

Le cito alcuni esempi anche se l’elenco qui di seguito potrebbe proseguire a lungo: i primi detettori ottici sulle linee d’insalata sono stati realizzati con noi, ci sono studi costanti sui getti e sui lavaggi, controlli quotidiani per un laboratorio interno sulle insalate, controlli sulle acque sia d’irrigazione che di lavaggio.

Print Friendly, PDF & Email