Il Gambellara wine festival raddoppia
18 Settembre 2011
Comprare la mozzarella di bufala in gelateria? Ora si può
19 Settembre 2011

Tolleranza zero la conclusione del convegno “SenzaimbrOlio”

Il risultato del convegno "SenzaimbrOlio" di Unaprol, in collaborazione col Comando Carabinieri Antifrodi Comunitarie, è chiaro: tolleranza zero nei confronti di chi vuol minare la salute e frodare il Made in Italy.

gargano-unaprol-carabinieriSi è da poco concluso il convegno “SenzaimbrOlio” di Unaprol, organizzato a Bari dal consorzio olivicolo italiano in collaborazione con il Comando Carabinieri Antifrodi Comunitarie del ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.
“Questa sarà la stagione della  tolleranza zero – ha tuonato il presidente della Commissione Agricoltura, Paolo Russo –  nei confronti degli attentatori della buona tavola, della salute dei cittadini, del lavoro degli agricoltori onesti e soprattutto del nostro made in Italy”.
Da un’indagine condotta dall’osservatorio economico di Unaprol, e presentata nel corso del convegno, derivano alcune importanti considerazioni: il prezzo medio dell’extravergine nazionale all’origine, nella 35° settimana del 2011, si è attestato su un livello di 3 euro al chilogrammo sulla piazza di Bari. Il primo concorrente del made in Italy è quello spagnolo, con una differenza di prezzo di 1,55 euro a favore dell’italiano. Vale a dire che, da quando è entrata in vigore l’origine obbligatoria in etichetta, il nostro extravergine nazionale è scambiato sui mercati mediamente a un euro in più di quello spagnolo.
“Proprio per questo – ha riferito la senatrice Colomba Mongiello, della Commissione Agricoltura di Palazzo Madama – va difesa la ricchezza che produce l’origine obbligatoria in etichetta, perché chi inganna il consumatore con giochi di prestigio, deruba i produttori onesti di questo e impoverisce il Paese”.
“Bene allora – ha detto Massimo Gargano, presidente di Unaprol – l’intesa con i Carabinieri antifrodi comunitarie del Mipaaf per rafforzare la lotta alle frodi anche con nuovi corsi per istruire e formare nuovi  Carabinieri con il diploma di assaggiatore di oli extra vergini di oliva”.
Tuttavia, nei supermercati italiani si trovano numerose offerte di oli extravergini a 1,90 – 2,50 euro, mentre un buon olio extra vergine di oliva italiano dovrebbe costare, secondo la stessa indagine di Unaprol, non meno di 6 euro al litro. Infatti si calcola che per il mercato italiano ci sia una disparità tra i consumo annuo stabilito, di 13 kg di extravergine procapite, e quello dichiarato, di sole 3,3 bottiglie di vero extravergine Made in Italy. Un decalogo presentato a Bari, da Unaprol e Carabinieri del Nac, sarà il primo passo verso acquisti più consapevoli.

Print Friendly, PDF & Email