Ivan Signoretti: “Tanto studio per portare una buona pizza a Rimini”
19 Luglio 2019
Marco Sacco e la cucina etica: “Il cuoco deve farsi delle domande”
23 Luglio 2019

Una cena Di Gusto con Il Moro

C’è un angolo di Sicilia a Monza. C’è un luogo dove la cucina contemporanea si lega indissolubilmente ai ricordi e al fascino della storia per dare ai sapori e alle sensazioni di ogni piatto un’impronta unica e originale.

È il Ristorante Il Moro della famiglia Butticé dove il valore dell’accoglienza si esprime nella passione di Vincenzo, Salvatore e Antonella e si unisce alla loro grande professionalità e maestria per creare il luogo perfetto dove assaporare, gustare, dove star bene anche solo per una sera.

Un esempio illuminante della qualità dell’offerta de Il Moro è stato offerto in occasione del sesto appuntamento di un ciclo d’incontri gourmet esclusivi – Di Gusto – ideati e condotti dalla giornalista e critica gastronomica Roberta Schira a Milano da Presso, il do-room italiano famoso per i format d’accoglienza che propone, casa condivisa per eccellenza e come tale ideale per occasioni come Di Gusto dove si condividono idee, progetti e convivialità attraverso uno scambio culturale avvincente e sempre di classe.

Il menu creato dai fratelli Butticé, un raffinato tripudio di pesce, ha trovato la sua valorizzazione estrema grazie alla tecnica di esecuzione, al rispetto per la tradizione evoluta che la sintonia tra Vincenzo e Salvatore in cucina ha saputo portare al top dell’espressione, dove la materia prima è stata protagonista indiscussa e si è fusa armoniosamente con due alleati d’eccezione: l’olio extravergine Zucchi e le birre di Angelo Poretti.

Non è sempre scontato che la cucina, seppure di un grande chef, possa interpretare in maniera bilanciata sapori e aromi quando la sfida è l’alleanza tra ingredienti concordati, prodotti dati.

In questo caso, l’armonia perfetta di oli italiani biologici e sostenibili e luppoli intensi con la delicatezza dei piatti scelti dagli chef hanno dimostrato che ciò è possibile.

Anche quando la cucina non è quella del proprio ristorante, se c’è la padronanza del mestiere; anche quando la sala è particolare e gli ospiti pieni di aspettative: il sorriso e la cortesia di Antonella Butticé, perfetta maitre tra i tavoli de Il Moro ed efficiente ed empatica padrona di casa da Presso per una volta, hanno reso la serata indimenticabile.

Il format Di Gusto, idea vincente di Roberta Schira, eclettica madrina dell’iniziativa, accompagna il pubblico attraverso una degustazione unica nel suo genere.

Rese possibili da partner d’eccezione – Birrificio Angelo Poretti, Cuki, Electrolux, Mepra, Oleificio Zucchi e Richard Ginori – le cene placées da Presso si svolgono secondo un programma di 9 incontri e hanno lo scopo di presentare una rosa di ristoranti rappresentativi del territorio italiano. Serate in grande stile e protagonisti che col loro know how e la cultura aziendale rappresentano il meglio del loro settore, partner ideali per presentare il meglio della cucina italiana.

Marina Caccialanza

Print Friendly, PDF & Email