Nuova sala degustazioni per Donna Franca Florio
22 Settembre 2011
“Sorsi di Erbaluce” decretata la miglior grappa giovane
23 Settembre 2011

Unaprol contro il ribasso dei prezzi dell’olio

Unaprol si scaglia contro il ribasso dei prezzi per l'olio d'oliva extravergine. L'osservatorio economico dell'associazione ha infatti fissato un limite minimo di 6€ al litro.

olio-prezzo-unaprolTorna a farsi sentire la voce di Unaprol contro i prezzi al ribasso degli oli extravergini. L’osservatorio economico dell’associazione ha infatti fissato un limite inferiore di sei euro per una confezione da un litro, prodotta con il 100% di olive italiane. L’indagine fa parte di una più ampia attivita di monitoraggio, cofinanziata dall’unione Europea e dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Il prezzo minimo è quello derivato dalla somma dei costi necessari, calcolati sulle quotazione della piazza di Bari.
A determinare il limite di sei euro concorrono diversi fattori: si parte dai 3,50 euro al chilo per un buon olio extravergine già lavorato e disponibile alla vendita in un frantoio, cui vanno aggiunti i costi di confezionamento, etichetta ed etichettatura, tappo, imballaggio e trasporto (0,74 euro), e il carico pubblicitario e di distribuzione alla rete vendite (0,76 euro). Infine, va previsto il ricarico del singolo punto vendita, quantificato in 0,62 euro a bottiglia. Alla somma complessiva (5,62 euro) va aggiunta l’Iva del quattro per cento.
Eppure, i prezzi sopraindicati ancora non prevedono margini di profitto per l’azienda produttrice: è chiaro che una bottiglia a meno di sei euro rimane una chimera, oppure un prodotto di origine indefinita.
Per aiutare i consumatori, il cui occhio cade giustamente sul prezzo più basso, prima di qualunque altro calcolo, Unaprol suggerisce di verificare la presenza di informazioni aggiuntive sulla bottiglia, come il numero verde dell’azienda o la Denominazione di origine protetta.

Per saperne di più: http://www.unaprol.it/

Print Friendly, PDF & Email