Sulla riforma per l’apprendistato un no da Fipe e Confcommercio
14 Luglio 2011
agevolazioni-fiscali-superforfettone
Agevolazioni fiscali per i giovani che aprono un’attività
15 Luglio 2011

Con VerdEccellenza vacanze verdi in Emilia Romagna

vacanze-verdi-rambelli-tonello-rabboni-pontiniVacanze “verdi” in Emilia Romagna con VerdEccellenza, l’associazione promossa da Terranostra, (l’associazione agrituristica di Coldiretti Emilia Romagna) e di Asshotel (l’Associazione Nazionale di alberghi di Confesercenti) che riunisce aziende agrituristiche dove la qualità, la cultura e i piaceri dell’enogastronomia si coniugano ad una sempre più necessaria attenzione alla riduzione di impatto ambientale.
Si tratta cioè di agriturismi e alberghi che applicano il disciplinare previsto dal marchio di qualità ambientale di Legambiente Turismo, nel pieno rispetto degli standard di “Visit”, l’associazione europea di ecolabel del turismo di cui fanno parte i più importanti marchi europei. In base al disciplinare, le aziende aderenti applicano sistemi di raccolta differenziata dei rifiuti, tecnologie di riduzione dei consumi idrici e risparmio energetico, interventi di tutela del territorio e dell’ambiente (ripristino di sentieri, manutenzione del paesaggio), tecniche di produzione ecosostenibili (produzioni biologiche e a lotta integrata), promozione di un’alimentazione più sana con prodotti locali a chilometri zero, l’utilizzo di mezzi di trasporto collettivi o a impatto zero (trekking, mountain bike, ippoturismo)..
Grazie alle buone pratiche adottate da queste strutture turistiche, secondo un’indagine di Legambiente Turismo, in Emilia Romagna nel 2010, sono stati risparmiati circa 360 mila metri cubi di acqua, 2.100 MWh di energia e oltre 1.300 tonnellate di CO2. Lo studio ha preso in considerazione le 132 strutture dell’Emilia Romagna  “amiche dell’ambiente” (oltre 2 milioni di presenze annue stimate fra strutture annuali e stagionali), analizzando alcune delle misure obbligatorie previste dal disciplinare concordato con Legambiente, quali la riduzione dei rifiuti (soprattutto involucri delle monodosi alimentari), il risparmio energetico, la diminuzione delle emissioni, l’uso di biciclette e mezzi pubblici.

Se le strutture recettive dell’Emilia Romagna, che ogni anno accolgono milioni di turisti nelle località marine, montane e nelle città d’arte dell’Emilia Romagna con circa 50 milioni di pernottamenti, applicassero le buone pratiche dell’etichetta ecologica di Legambiente, il risparmio di acqua potabile sarebbe di oltre 6 milioni di metri cubi, quello energetico di oltre 35.000 MWH, la riduzione della plastica di almeno 150 tonnellate e la produzione di CO2 verrebbe ridotta di oltre 22.000 tonnellate.
“Le eccellenze dell’arte e della cultura offerte dalla nostra regione, insieme al grande richiamo della nostra enogastronomia – ha detto il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Mauro Tonello – sono per noi un motivo per offrire un servizio di eccellenza anche nelle nostre attività ricettive in agriturismo. Per questo abbiamo scelto un disciplinare che risponde ad esigenze di un turismo di qualità, capace di valorizzare il nostro territorio in tutti i suoi aspetti”.
“Come molti operatori turistici hanno ben compreso –  dichiara Luigi Rambelli, presidente nazionale di Legambiente Turismo – la qualità ambientale e dell’accoglienza, il paesaggio, il patrimonio artistico e la gastronomia, sono ormai i criteri più importanti per la scelta di una vacanza. Sempre più forte è la crescita del ‘passaparola’ e l’uso di internet per scegliere le destinazioni e le strutture di accoglienza. Da qui una grande opportunità per le iniziative concrete e per la promozione che si rivolge direttamente al viaggiatore e alle famiglie e coglie l’esigenza di trasparenza e affidabilità dell’offerta ”.
“Il nostro obiettivo – ha detto il presidente di Terranostra e VerdEccellenza, Carlo Pontini – è intercettare la domanda che scaturisce dal crescente interesse dei cittadini per un turismo che colga tutti gli aspetti dell’attrattività locale, arte, bellezze naturali, cibo, e che consenta di visitare il territorio con vacanze che riducano gli sprechi e non producano inquinamento”.
“Siamo attenti alla crescente domanda, interna ed internazionale, di turismo verde, ecologico – ha affermato Filippo Donati, presidente di Asshotel, l’associazione nazionale che ha firmato l’accordo con Legambiente Turismo – alla continua ricerca di destinazioni in grado di offrire ecosistemi sempre più intatti ed integri. Per questo aumenta il numero degli alberghi che hanno rivisto la propria offerta nell’ottica di una maggiore sostenibilità ambientale”.

Nella foto: da sinistra, Luigi Rambelli (presidente Legambiente-turismo), Mauro Tonello (presidente Coldiretti Emilia Romagna), Tiberio Rabboni (assessore regionale Agricoltura), Carlo Pontini (presidente Verdeccellenza)

Print Friendly, PDF & Email