Incontri di gusto milanesi
8 Giugno 2014
Braims presenta Panettone Day: si apre la sfida
9 Giugno 2014

Vino, natura e ispirazione, quando il riciclo si fa arte

Sono molteplici le fondi di ispirazione per un’opera d’arte. La fantasia che spinge l’artista a esprimere la propria creatività trae origine dall’osservazione, dall’introspezione, dall’esperienza, dal sentimento, spesso dalla natura. Da uno spunto apparentemente insignificante può nascere un capolavoro.

Anche il riciclo può diventare una forma d’arte; impiegare oggetti inutilizzati, che sono giunti al termine del loro ciclo vitale e rischiano l’oblio diventa in questo caso una rinascita che ha qualcosa di prodigioso, certamente di artistico se non in senso stretto almeno in senso morale. In quest’ottica, il vino, opera d’arte di per sé, diventa il pretesto ideale per ispirazioni artistiche green, come Artevigna Contemporary Vineyards, l’evento che Drei Donà – Tenuta La Palazza ha in programma il prossimo 14 giugno. Nei vigneti dell’azienda, l’artista Oscar Dominguez darà vita a una “coltivazione artistica”, una straordinaria installazione alta 6 metri realizzata trasformando i tralci della potatura da scarto in materia viva da contemplare. Un primo passo dal quale creare un itinerario nel verde dove natura e arte si fondono nell’espressione estetica della sostenibilità.

L’inebriante magia del profumo la ritroviamo nel progetto realizzato da Livingcap, azienda vicentina che ha ideato un profumatore ecologico per piccoli ambienti tratto dal sughero come materia prima sfruttando i naturali  elementi di questo materiale per trasformarlo in un mix di profumi e aromi, Fiori di Sughero. Il materiale rimasto dai processi di lavorazione viene rigenerato, macinato e profumato miscelandolo con cotone greggio e puri oli essenziali per offrire sensazioni piacevoli nel rispetto della natura.

Ma sentori e profumi sono anche le erbe aromatiche che tutti possiamo coltivare, perfino in un semplice balcone. Torraccia del Piantavigna ha scelto di riutilizzare gli imballi dei suoi pregiati vini, come il Ghemme e il Gattinara DOCG, per realizzare un piccolo giardino con le cassette in legno. L’idea è semplice, la scatola, tolte le bottiglie, si trasforma in un set per giardinieri in erba, Torraccia del Piantavigna regala i semi e il terriccio e organizza consulenze per “pollici verdi” sul web.

Una vera e propria collezione d’arte quella organizzata dalla Cantina Roccafiore di Todi (PG), in occasione di Cantine Aperte. Gust’arte è una mostra itinerante che si propone di far conoscere attraverso dei contenitori ready-made, dipinti da artisti internazionali, la qualità delle eccellenze del vino dell’azienda. Anche qui protagoniste sono le cassettine del vino che, raccolte in giro per il mondo e dipinte da 20 artisti emergenti si trasformano in opere d’arte riunite in un catalogo ed esposte in giro per l’Italia in ristoranti e  gallerie dove fanno da cornice alla degustazione dei vini e dei prodotti tipici umbri della Cantina Roccafiore. Ossia, come applicare l’arte del riciclo alla cultura enogastronomica, promuovendo i giovani talenti in un triangolo ideale.

Marina Caccialanza

 

 

Print Friendly, PDF & Email