Il Club di Papillon e le Cene in ComPagnia a sostegno di Srebrenica

Bertinelli porta al Taste di Firenze i prodotti del “BuonEssere”
5 marzo 2018
APCI firma la cena di solidarietà di Azione contro la fame
5 marzo 2018
image_pdfimage_print

Tra i diversi progetti e le numerose iniziative che vedono concretamente impegnato il Club di Papillon, l’associazione nazionale fondata da Paolo Massobrio che ha come finalità la riscoperta dell’originalità di una cultura popolare attraverso il gusto, ne figura una davvero particolare: il sostegno a Gianni Rigoni Stern, figlio del grande scrittore Mario, a ricostruire un’economia agricola a Srebrenica, teatro, venti anni fa, di un terribile eccidio.
Dopo aver già portato vacche di razza Rendena, trattori e altri macchinari, e dopo aver costruito stalle e bonificato terreni, ora è in fase di realizzazione un caseificio, che il Club vuole contribuire a finanziare promuovendo delle cene di raccolta fondi in tutta Italia: le cosiddette Cene o Pranzi in ComPagnia, che possono coinvolgere da due a quattro, dieci fino a 100 persone, e che potranno essere organizzate da chiunque lo desideri per tutto il mese di marzo, invitando amici, parenti, colleghi e conoscenti.
Come funzionano? È presto detto. Il primo aspetto che andrà considerato è quello della convivialità e della gioia dell’accoglienza. Per questo la tavola dovrà essere ben apparecchiata e curata in ogni dettaglio. Come diceva, infatti, il grande gastronomo francese Jean Anthelme Brillat-Savarin, “Colui che riceve i suoi amici e non dà nessun tocco personale al pasto che ha preparato non è degno di avere degli amici”.
In secondo luogo si gusterà ciò che si prepara, magari a casa propria, condividendo una ricetta della tradizione locale e stagionale. Tra i partecipanti, poi, verranno divisi i compiti: chi porta il vino, chi l’olio, chi la frutta, chi cucina e chi rassetta. Nello svolgersi della cena è importante che entrino il canto, la musica, la poesia: qualcosa di bello e che abbia a che fare con il gusto.
Tutti i partecipanti offriranno venti euro come se fossero stati in una trattoria. La raccolta complessiva, che sarà debitamente documentata sul sito di ClubPapillon, sarà destinata al progetto della Transumanza della pace di Gianni Rigoni Stern e del caseificio.
Per aderire alla cena basta inviare una mail a info@clubpapillon.it, specificando che si desidera partecipare alla Cena in ComPagnia, in quali giorni e in quanti partecipanti. In risposta alla mail sarà inviata una scheda riassuntiva che, appena terminata la cena, dovrà essere inoltrata compilata e completa di foto e video per documentare l’evento.

www.ilgolosario.it/club-papillon/papillon/cos-e-il-club

 

image_pdfimage_print