Pignoletto e Colli bolognesi insieme portano l’ Emilia al Vinitaly

Bologna. “Porcelli d’ autore” celebra il maiale, anzi porcello
10 aprile 2018
Università della Calabria: Giornata di Studio su Sport e Alimentazione
11 aprile 2018
image_pdfimage_print

Il Consorzio Pignoletto Emilia Romagna e il Consorzio Vini Colli Bolognesi si preparano, per il prossimo Vinitaly, dal 15 al 18 aprile, a rappresentare un territorio importante con un percorso di degustazione di 150 etichette. Il Pignoletto vive una stagione felice dopo essere stato riscoperto dagli stessi emiliani che, nella versione frizzante, lo preferiscono scegliendo di “bere il territorio”. Tutto nuovo, invece, il panorama dei Colli Bolognesi, il consorzio nato dai produttori artigianali che hanno portato sul mercato nuove denominazioni: Bianco Bologna, frutto dell’incontro tra varietà internazionali (almeno il 50% Sauvignon) e locali, con la sua miscela sapida, fine ed elegante di aromi intensi di frutta gialla e note minerali, al Rosso Bologna (base minima 50% Cabernet Sauvignon), vino strutturato con tannini eleganti e aromi intensi. E infine la Barbera, della quale i Colli Bolognesi sono la principale area di coltivazione dopo il Piemonte, sia in versione ferma che frizzante. “I Colli Bolognesi possiedono uno straordinario panorama, oltre che essere eredi di una storia e di un patrimonio culturale unico – dice il Direttore del Consorzio Vini Colli Bolognesi Giacomo Savorini– Un territorio conosciuto in tutto il mondo per la grande qualità del suo cibo e dei suoi vini, che oggi portiamo al Vinitaly nella convinzione che sapranno conquistare sempre più attenzione da parte del pubblico e degli operatori”. I Consorzi saranno presenti all’ interno di Vinitaly presso il Padiglione dell’Emilia Romagna (Pad. 1, Stand C11).

www.collibolognesi.it

 

image_pdfimage_print