I Consorzi dei vini rosati si uniscono e partono subito due nuovi progetti

Macugnaga Monte Rosa School indaga il futuro dell’ ospitalità di montagna
16 maggio 2018
Fruit Brew e Cold Brew: Sirea innova il modo di bere al bar
17 maggio 2018
image_pdfimage_print

I Consorzi dei grandi vini rosati italiani si sono uniti in un progetto; nei primi giorni di marzo i cinque consorzi hanno formalizzato con un Patto di Intenti il loro voler stare insieme attraverso la sottoscrizione di un documento strategico avvenuta a Bardolino e che ha voluto sancire per la prima volta in questo Paese un’alleanza sui rosati. Dopo la firma del patto di intenti, Chiaretto di Bardolino, Valtènesi Chiaretto, Cerasuolo d’Abruzzo, Castel del Monte rosato e Salice Salentino sono ora pronti a promuovere insieme i rosati. Dopo la presentazione ufficiale nel corso dell’ ultimo Vinitaly, sono già in corso i lavori per i primi due progetti: “Italia in Rosa”(1-3 giugno) a Moniga del Garda e “Rosèxpo”(23-24 giugno) a Lecce, sono i primi due appuntamenti che vedranno i cinque Consorzi lavorare insieme per rilanciare il comparto del vino rosè. «Un’idea intelligente in merito all’unione dei Consorzi ; un bel segnale di un’Italia che vuole e che deve stare insieme e che attraverso il vino parla alle nuove generazioni» ha detto il senatore Dario Stefàno, ex Assessore delle politiche Agroalimentari della regione Puglia.

image_pdfimage_print