Nasce “Arezzo -In Tour” , Fondazione per il turismo locale

Bologna. FIVI e “Giro di vite” insieme per un mercato straordinario
25 giugno 2018
Risotto all’anice, ostriche e uova d’aringa affumicate
25 giugno 2018
image_pdfimage_print

Arezzo Intour – innovation & tourism”, è la neonata Fondazione con cui sarà gestita l’intera destinazione turistica della città di Arezzo; la Fondazione si sviluppa da un’ idea pensata, due anni fa, dall’assessore al turismo del Comune di Arezzo, Marcello Comanducci, con l’obiettivo di far emergere la città toscana fra le mete turistiche italiane. Vi era, infatti, la necessità di riorganizzare il settore turistico della cittadina toscana, considerando anche i dati, che vedono il turismo locale in crescita: il triennio 2015-2017, infatti, è stato molto positivo, con una crescita storica che ha visto un +36% di presenze nelle strutture ricettive della città. Dunque, la nascita della Fondazione è un passo obbligatorio per offrire sistematicità all’offerta turistica del territorio e per gestire il turismo in modo professionale ed innovativo. “Arezzo In Tour” sarà di fatto una “Dmo”, Destination Management Organization, ovvero un’ istituzione che svolge la funzione di marketing territoriale con particolare attenzione alla governance e alle politiche turistiche, al miglioramento dell’ospitalità e al “place branding”, ossia al miglioramento dell’immagine della città per influenzare la scelta del turista. Si potrà diventare soci  della Fondazione secondo due diverse modalità: ci saranno soci partecipanti (che dovranno garantire un contributo importante di adesione) e soci sostenitori (a cui sarà chiesto un contributo minimo valutabile anche in servizi). Il cda di Arezzo Intour sarà composto da 6 persone di cui 3 nominate dal comune e 3 espresse dai soci (2 dai soci partecipanti e 1 dai soci sostenitori). Tutti potranno partecipare alle scelte strategiche della destinazione.

image_pdfimage_print