Da Vittorio: il libro della famiglia Cerea, aneddoti, storie, ricette

Salerno. “Buonissimi 2018”, l’evento che “nutre” la ricerca
22 marzo 2018
“Firenze Bio”, l’ appuntamento per gli amanti del biologico
22 marzo 2018
image_pdfimage_print

La storia della famiglia Cerea – un’autentica istituzione della cucina italiana – raccontata in un libro da Bruna, moglie di Vittorio, e madre di cinque figli, che nel corso di mezzo secolo, ha dato prestigio alla tradizione gastronomica bergamasca e a quella nazionale. A distanza di cinquant’anni, si guarda indietro e si ripercorrono i momenti belli e quelli difficili, in un’operazione che scava dentro al cuore e all’anima, ma che vale la pena di fare, si riflette su ciò che è stato, si ricordano i compagni di viaggio che non ci sono più, per guardare avanti, lasciando qualcosa di bello a chi non c’era. La raccolta iconografica è firmata da Giovanni Gastel, a cui si uniscono aneddoti, ricette, riflessioni, che descrivono l’evoluzione di un pensiero e di un percorso, fin dall’inizio, nel 1966 quando cominciò tutto. Un piccolo ristorante di pesce, che apre coraggiosamente nella territoriale e carnivora Bergamo, grazie a Vittorio Cerea e alla moglie Bruna, e una coppia che si voleva bene, unita dalla comune passione per la cucina. Piatti ricercati, eleganti e delicati che colpiscono per estetica e concentrazione, e fruttano nel 1978 la prima stella Michelin, a cui nel 1996 seguirà la seconda, grazie a tutto il team, e a Enrico e Roberto che seguono la cucina e hanno girato il mondo per fare esperienza e affinare il palato, ampliando le vedute. Poi nel 2000 il trasferimento in campagna, in una elegante villa a Brusaporto, dove lo spazio consente di poter dare un confortevole alloggio ai propri ospiti, e nel 2010 arriva la preziosa terza stella. Una squadra forte, capace di portare la propria cucina oltre oceano, in un’intensa attività di eventi, con Francesco che segue la cantina e la ristorazione esterna, e Rossella che è responsabile della sala e dell’ospitalità. E si colgono nuove sfide, con la Cantalupa, una struttura sorta accanto al locale, dedicata agli eventi; a cui si aggiunge la Dimora, locanda Relais&Chateaux di grande eleganza e confort. Nel 2014 si inaugura “Da Vittorio St. Moritz”, una stella Michelin, mentre si progettano nuove aperture in Oriente, ma senza dimenticare il territorio, con l’acquisizione dello storico Caffè Pasticceria Cavour, a Bergamo Alta, a cui si dedica con passione Barbara. Intanto prende vita il progetto di ristorazione VI.CO.OK e il Vicook Bistrot all’Aeroporto Internazionale di Orio al Serio, e nasce una stimolante consulenza presso il ristorante Terrazza Gallia, al settimo piano dell’Excelsior Hotel Gallia di Milano. Un volume – con la prefazione di Joan Roca, del ristorante “El Celler de Can Roca”, al vertice della classifica dei 50 Best Restaurants of the World – che racconta le singole individualità dei componenti di un clan longevo e creativo, e ripercorre le tappe salienti di un successo, non fine a sé stesso, ma sintomo di una vivace collaborazione familiare, portatrice di valori autentici e di una virtuosa etica professionale.

Luca Bonacini

Da Vittorio, storie e ricette della famiglia Cerea
di Bruna Cerea
Mondadori 2017
Pagine 216
49 euro

www.davittorio.com

image_pdfimage_print