Enologica: il salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia Romagna

Emergente Sala 2017
Dietro le quinte… delle professioni di sala: Oltre i gesti!
14 novembre 2017
Manifestazione dedicata al panettone
I Maestri del Panettone
14 novembre 2017
image_pdfimage_print

Torna l’appuntamento con Enologica, il Salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia Romagna che quest’ anno giunge alla sua XX edizione, come sempre  organizzato da Enoteca Regionale Emilia Romagna e curato da Giorgio Melandri: dal 18 al 20 Novembre, 120 fra produttori e cantine della regione porteranno nel salone del Podestà di Palazzo Re Enzo a Bologna il meglio delle loro produzioni.

Anche per questo importante anniversario la kermesse resta fedele a sé stessa con le sue tradizioni, i suoi racconti attraverso creature fantastiche e provocazioni : nel Teatro dei cuochi ci saranno alcuni dei migliori chef che racconteranno i piatti della tradizione da Piacenza a Rimini  come i pisarei e fasò, tortellini, piadina ma immaginando di doverli mangiare nel 2049, inventando così una sorta di macchina del tempo  del cibo che evidenzierà  come abitudini  e necessità sono soggette al cambiamento e quanto la tradizione può resistere ad esso.

Daniele Reponi, chef del panino d’autore,  realizzerà panini esclusivamente con prodotti Dop e Igp regionali e poi sarà assegnato il premio “Carta Canta” il premio rivolto a ristoranti, bar ed enoteche  che propongono un assortimento vario dei vini regionali.

Nel corso della tre giorni ci saranno tante degustazioni, seminari e approfondimenti  perché  l’evento si inserisce nel contesto di grande rilancio che la Regione sta dando alla cultura e al turismo enogastronomico, all’importanza di raccontare un territorio, quello dell’ Emilia Romagna, che accoglie alcune delle produzioni alimentari più importanti: Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, Culatello.

Anche dal punto di vista enologico, si sta facendo un grande sforzo per far  conoscere i vitigni autoctoni: da un lato, le terre del Lambrusco e Sangiovese rivendicano importanza perché le Cantine hanno svolto un gran lavoro per  elevare e perfezionare  vini spesso snobbati  dagli appassionati del settore e da un altro lato, ci sono altri vitigni autoctoni, ancora sconosciuti a molti, che hanno voglia di emergere sotto le etichette importanti, soprattutto adesso che finalmente nelle osterie si è iniziato a “bere tipico” con un bel Pignoletto frizzante a sgrassare lasagne e tortellini e un Passito di Albana a onorare i dolci della tradizione come la Torta di riso.

Per scoprire i tanti volti, sapori e profumi delle tipicità regionali non resta che fare un giro a Bologna, a Palazzo Re Enzo.

Gli orari di apertura saranno i seguenti:
sabato 18 novembre 2017: dalle 11 alle 21, domenica 19 novembre 2017: dalle 11 alle 20, lunedì 20 novembre 2017: dalle 11 alle 19

Manuela Di Luccio

image_pdfimage_print