Diplomati di Alma, pronti al via!

Prosecco Doc e Mozzarella di Bufala Campana Dop, insieme a tutela del consumatore
23 gennaio 2017
Olio Officina Festival 2017, tra Olio e Ristorazione
23 gennaio 2017
image_pdfimage_print

Diventare cuoco è il sogno di molti giovani; diventare cuoco “sui banchi” di Alma significa impadronirsi di una professionalità in grado di offrire opportunità interessanti. I neo cuochi professionisti del 2016 sono ben 71 e sono pronti ad affrontare le cucine di tutto il mondo forti dell’esperienza che hanno vissuto frequentando il 33° Corso Superiore di Cucina Italiana.
Chiuse le prove di esame, sotto il controllo di una commissione tra le più prestigiose, ad Alma si tirano le somme di quest’ultima edizione del corso, con risultati apprezzabili.
Tra i 71 studenti provenienti da 16 regioni italiane si sono distinti in modo particolare la veronese Lucia Gaspari, la napoletana Mimosa Misasi e il pisano Lorenzo Talarico che hanno ottenuto i migliori voti al termine di un percorso durato 10 mesi che, dopo la fase residenziale presso la Reggia di Colorno, li ha impegnati in stage sfidanti, nelle brigate di cucina dei più prestigiosi ristoranti della Penisola.
La commissione d’esame, composta dallo chef Giuseppe Mancino, Ristorante “Il Piccolo Principe”, dallo chef Terry Giacomello, Ristorante “L’Inkiostro”, dallo chef Herbert Hintner, Ristorante “Zur Rose”, dallo chef Giuseppe Tinari, Ristorante “Villa Maiella”, e dallo chef Paolo Lopriore li ha giudicati in base alle performance articolate in prove teoriche e pratiche, verificando la loro idoneità ad affrontare il mondo del lavoro.
Diplomati da una commissione così autorevole, i giovani cuochi sono certamente pronti per dimostrare il loro valore e per portare la cucina italiana alle vette consuete.
La classe del 33° Corso Superiore di Cucina Italiana di Alma è al via.

Marina Caccialanza

image_pdfimage_print