Unione Italiana Food, per crescere nel mondo

Avere cura della terra, secondo Giuseppe Carta
29 marzo 2017
Nangalarruni, dove l’ospite si sente a casa
30 marzo 2017
image_pdfimage_print

450 imprese italiane di oltre 20 settori merceologici, con 65.000 addetti, e un fatturato complessivo di oltre 35 miliardi di euro; questa è la base costituente di Unione Italiana Food, nata dalla fusioni di Aidepi e Aiipa.
Quella che è, senza alcun dubbio, la più grande associazione dell’alimentare in Europa ha eletto alla sua guida Paolo Barilla come presidente, Marco Lavazza nel ruolo di vicepresidente, mentre il consiglio di presidenza è composto da: Cesare Ponti (Ponti), Paolo Casoni (Perfetti Van Melle Italia), Edo Milanesio (Ferrero), Angelo Trocchia (Unilever Italia).
“Uniamo le nostre forze nel pieno rispetto delle nostre diverse identità aziendali e merceologiche e sulla base di un comune sistema di valori. – ha affermato Paolo Barilla – Questo ci permetterà di condividere competenze e fare passi in avanti su temi strategici per il nostro settore. Tra tutti l’internazionalizzazione e la crescita dei nostri prodotti sui mercati di tutto il mondo, la sostenibilità, dove siamo in prima linea per risultati raggiunti e impegni presi, il miglioramento della valenza nutrizionale dei nostri prodotti e, infine, l’informazione al consumatore moderno, che vuole sapere tutto di ciò che mangia”.

image_pdfimage_print