L’addio di Tonino Guerra

Dell’Invidia e delle Liti, al Parco delle Fiabe
22 marzo 2012
Una proposta di legge per tutelare l’olio extravergine Made in Italy
22 marzo 2012
image_pdfimage_print

addio-tonino-guerraCon la scomparsa di Tonino Guerra scompare anche una delle più importanti e poetiche testimonianze del mondo rurale, delle tradizioni contadine e dei prodotti del territorio.
Nella sua suggestiva dimora di Pennabilli, centro del Montefeltro, il poeta e sceneggiatore amico di Fellini, ospitava installazioni artistiche, in gran parte realizzate da lui stesso.
Erano e continuano ad essere “i Luoghi dell’anima”, come lui amava definirli, comprendendo l’Orto dei frutti dimenticati, il Rifugio delle Madonne abbandonate, La Strada delle meridiane, Il Santuario dei pensieri, L’Angelo coi baffi, Il Giardino pietrificato.
L’Orto dei frutti dimenticati è un giardino che ospita alberi da frutto come il pero cotogno, il fico verdino, la cui pianta madre è stata ritrovata nel comune di Città di Castello ed era diffusa soprattutto tra Toscana e Umbria, il limoncello, il nespolo della goccia, di origine antica, dal sapore particolare, che si raccoglie in novembre e si matura con il tempo e la paglia, come dice il proverbio.  Questi alberi da frutto che condividono lo spazio insieme alle sculture, hanno un valore culturale e simbolico e sono testimoni della biodiversità nelle specie creando un percorso di recupero della memoria e delle tradizioni.

image_pdfimage_print