Campionato Mondiale di Pesto Genovese al Mortaio: siamo alle finali

La tradizione norcina in Carnia si svela al “Fums, profums, salums”
8 marzo 2018
LSDM e Mulino Caputo insieme per rilanciare il panino italiano
9 marzo 2018
image_pdfimage_print

Tutto è pronto per la settima edizione del Campionato Mondiale di Pesto Genovese al Mortaio, che si terrà sabato 17 aprile al Palazzo Ducale di Genova.
Sono pronti i finalisti (manca solo il concorrente numero 100 che uscirà dalla gara di Taste a Firenze domenica 11 marzo), selezionati in parte attraverso le eliminatorie organizzate tra la fine della precedente edizione e l’attuale, e in parte seguendo i tempi di iscrizione. Tra di essi (uomini al 60% e donne al 40%) si contano ben 19 rappresentanti stranieri e le età più varie: la concorrente più giovane è una studentessa genovese di 18 anni e la più anziana una signora di 84 anni.

È pronta anche la giuria, formata da 30 persone selezionate per esperienza e competenza nel mondo del food e della comunicazione territoriale, ed è pronto pure il ricco calendario degli eventi e delle attività collaterali, dal Campionato dei Bambini non competitivo alla mostra “Antichi mortai delle famiglie genovesi”, fino al Pesto Party, che si terrà dalle 20 alle 22 circa in otto ristoranti di Genova Liguria Gourmet, che proporranno i loro piatti in degustazione, protagonisti comunque per tutta la Settimana del Pesto dei Ristoranti Liguri (dal 12 al 17 marzo), promossa da Regione Liguria in collaborazione con le Camere di Commercio di Genova e delle Riviere Liguri, Ascom, Confesercenti e Genova Liguria Gourmet.
Tra le iniziative non mancheranno Vetrine in gara, un concorso a tema di addobbo delle vetrine a tema pesto e Campionato, al quale possono partecipare tutti gli esercizi commerciali che ne faranno richiesta, il Pesto Talk, una piccola area attrezzata per ricevere commenti, interviste, riflessioni sul pesto, e Pesto Last Minute, un servizio di formazione e allenamento, previsto per concorrenti stranieri e neofiti, che si terrà presso la Sala Trasparenza della Regione Liguria venerdì 16 marzo dalle 15 alle 20.
Quest’anno il Campionato si arricchisce di un’importante novità. Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il sindaco di Genova Marco Bucci hanno lanciato una campagna per presentare all’Unesco la candidatura del pesto a “Patrimonio dell’Umanità”.
Il Comitato interministeriale italiano dell’Unesco, infatti, si riunirà proprio in questo mese per valutare se ammettere la proposta nella “Tentative list” e procedere lungo l’iter internazionale. Per coinvolgere la popolazione nella rivendicazione della tradizione del pesto al mortaio, sabato 17 marzo a Genova (e da domenica 18 negli altri comuni) si potranno firmare i moduli a sostegno della candidatura: una mobilitazione che si unisce a quella di ristoratori e commercianti che parteciperanno alla settimana con menu, degustazioni e vetrine a tema.

Saranno arruolati pure i social media: un social mob invita i genovesi e gli amanti del cibo a postare immagini relative al pesto. Fra gli hashtag strategici: #worldpestoday #pestochampionship #pestogenovese #pesto #orgogliopesto #annodelciboitaliano

Mariangela Molinari

image_pdfimage_print