Cast Alimenti promuove 45 nuovi cuochi e pasticceri

Unesco dinner delle città della gastronomia
7 giugno 2017
Capolavori a Tavola, la cucina italiana nel mondo
8 giugno 2017
image_pdfimage_print

Andrea Berton, 29 anni, dopo dieci anni nelle cucine di un ristorante in provincia di Padova, ha deciso di passare al mondo della pasticceria: al termine del percorso in CAST Alimenti è stato assunto da Iginio Massari per la Pasticceria Veneto di Brescia. Lucrezia Rumore, siciliana, neodiplomata al liceo scientifico senza precedenti esperienze, dopo il corso di alta formazione per cuoco è stata assunta Al Pompiere di Verona e Annachiara Longhi, 20 anni, che ha scelto il mestiere di cuoco dopo il liceo scientifico, oggi lavora al Carlo Magno di Collebeato (BS). Stefano Bella, dopo esperienze in ristoranti di prestigio, è approdato al corso di alta formazione per pasticcere e oggi lavora nella Pasticceria Brancato di Siracusa (segnalata dalle guide più rinomate). Filippo Serlini, invece, ha frequentato il corso di alta formazione per cuoco con l’obiettivo di far crescere il ristorante di famiglia, Villa Giardino di Paderno Franciacorta, dove oggi è tornato a lavorare a tempo pieno dopo un tirocinio nel ristorante stellato di Lionello Cera.
Sono solo alcuni degli esempi concreti dei percorsi professionali generati dai corsi di alta formazione di CAST Alimenti che si sono conclusi in questi giorni.
A Brescia sabato 10 giugno, alle 18 presso la Camera di Commercio, alla cerimonia di chiusura dei corsi parteciperanno quarantacinque nuovi professionisti – cuochi e pasticceri – pronti ad affacciarsi sul mondo del lavoro, forti delle competenze acquisite in aula e poi consolidate nel periodo di tirocinio.
Accanto agli studenti che provengono da tutta Italia, dalla Sicilia al Veneto, ai loro familiari, ai docenti e al direttore della scuola Vittorio Santoro, saranno presenti il presidente onorario di CAST Alimenti Iginio Massari, la Vicesindaco di Brescia Laura Castelletti ed Eugenio Massetti, vicepresidente della Camera di Commercio di Brescia, che dà il suo patrocinio all’evento.
“Gli esami sono l’inizio di un’avventura professionale che ci auguriamo sia lunga e di grande soddisfazione” spiega il maestro Gabriele Bozio, executive manager di CAST Alimenti. L’inizio di una fase nuova, ma anche la fine di un percorso formativo che impegna i ragazzi per circa sette mesi a tempo pieno, prima in aula con i docenti e poi all’interno di una realtà produttiva prestigiosa per il periodo di tirocinio.
La tesi di laurea consiste nella produzione di un piatto di cucina o di un prodotto di pasticceria che sarà degustato e valutato dalla giuria. A questo si aggiunge una prova teorica, scritta e orale, durante la quale i ragazzi vengono interrogati e raccontano l’esperienza di tirocinio.

 

image_pdfimage_print