Cateringross Food Summit: un incontro di successo

“Un calice, un Piatto, un Palazzo”, a Ferrara la promozione del territorio si fa a tavola
26 febbraio 2018
Alma Wine Academy forma i nuovi operatori del vino
27 febbraio 2018
image_pdfimage_print

Oltre seicento operatori del food service, più di 400 incontri business to business, una acquisita consapevolezza di cosa vuol dire essere gruppo all’interno della filiera produzione-distribuzione-ristorazione ma soprattutto la percezione chiara che il mondo dei consumi fuori casa sta vivendo una stagione positiva.
Queste sono le risultanze della quarta edizione di Cateringross Food Summit, l’appuntamento biennale organizzato dal primo gruppo cooperativo italiano nel food service.
“Fare gruppo significa essere coscienti di far parte della prima cooperativa nel food service: 41 soci con più di 500 agenti, 780 milioni di euro di fatturato aggregato, un assortimento di oltre 8.200 referenze fornite da più di 300 aziende alimentari, 65.000 pubblici esercizi serviti quotidianamente, 84 mila metri quadrati di magazzini e celle frigorifere, circa 500 mezzi di trasporto, una rivista – sala&cucina – con quasi 90.000 professionali. Questi sono i numeri di Cateringross. Abbiamo una grande forza: quella di essere una rete capillare in tutta Italia, ed in parte anche all’estero, al servizio di diverse migliaia di esercizi pubblici” ha esordito Carmelo Nigro, presidente di Cateringross nella giornata conclusiva della manifestazione, prima di passare la parola a due testimonianze d’eccezione, su cui torneremo con specifici approfondimenti: Mauro Santinato, presidente di Team-Work, che ha disegnato lo scenario della ristorazione, e Lorenzo Dornetti, fondatore di AGF Group, che ha affascinato la platea del Palacongressi di Rimini spiegando cos’è la neurovendita.


Nell’ambito del Food Summit è stato messo in evidenza, proprio da Santinato, che nell’anno appena concluso il mercato dei consumi fuori casa ha raggiunto la cifra di 83 miliardi di euro e le proiezioni per il 2018 stimano una crescita di oltre 3 miliardi di euro di fatturato.
“È un settore in continua evoluzione e lo stiamo vivendo ogni giorno; dobbiamo affrontare le sfide con imprese forti e strutturate, capaci di trovarsi sempre al passo con il mercato, per seguirne, se non anticiparne, i processi di cambiamento. – ha ribadito Carmelo Nigro – Il nostro è un ambito dove, alla base della sua stessa esistenza, vede la persona come protagonista, vede, alla base delle relazioni tra le persone, il rapporto fiduciario. Noi ci fidiamo dell’industria alimentare, il ristoratore si fida di noi e dei nostri agenti, perché sa che possiamo offrirgli la soluzione a tanti problemi, aprendo la visione sul mondo che c’è fuori dalla cucina di un ristorante. Questo è il cambiamento più radicale che sta avvenendo: siamo diventati portatori di informazioni e servizi, le due leve che connotano il mondo contemporaneo”.
In questo contesto il magazine sala&cucina, e il sito ad essa collegato, “diventano gli strumenti indispensabili all’intera filiera per fare rete, conoscere le ultime tendenze di mercato, avere una visione quotidiana del cambiamento” ha affermato Benhur Tondini, presidente delle due testate.
Sono stati due giorni intensi, motivanti, che hanno rafforzato un rapporto fiduciario tra le imprese del food service che dura dall’anno di fondazione di Cateringross, esattamente 35 anni fa.

image_pdfimage_print