Con la prima Foodies Geek Dinner, grazie a Facebook, nuovi amici e contatti professionali. Ma davanti a una tavola vera

Frutta e Verdura, in soccorso alla salute
10 dicembre 2012
MEC3 dona all’Istituto Alberghiero Savioli di Riccione i macchinari per produrre il gelato
10 dicembre 2012
image_pdfimage_print

Ingredienti: oltre 400 appassionati di cibo, 4 menu meglio se casalinghi e realizzabili con prodotti a chilometro zero, 1 accogliente location con cucina e attrezzatura. Procedimento: estrapolare dai 400 un campione di foodies (più sono meglio viene la ricetta) e far votare su Facebook i migliori 4 piatti dei menu. Amalgamare persone e ricette con i cuochi della location individuata, aggiungendo un’abbondante manciata di allegria, un pizzico di humour e tecnologia quanto basta. Gustare seduti guardandosi negli occhi, abbinando il tutto al perlage sottile di piacevoli conversazioni.
Ecco la ricetta vincente di Mariachiara Montera e Francesca Gonzales, le due foodblogger rispettivamente di Spedelliamo Insieme e The Chef is on the Table: insieme hanno pensato e realizzato la prima Foodies Geek Dinner, ovvero la prima cena dove i profili su FB di tanti amanti della buona tavola sono diventati volti reali e i cibi postati, commentati, condivisi, si sono gustati davvero.
Operativamente, cos’hanno fatto Mariachiara e Francesca? Hanno creato su Facebook una comunità virtuale in cui appassionati e professionisti del food comunicano condividendo ricette, indicazioni su locali e prodotti, fotografie ed eventi. Fino a qui, nulla di strano: pensate che il termine foodie fu coniato da Paul Levy e Ann Barr ben nel 1984 con il libro The Official Foodie Handbook (Il manuale ufficiale del ‘foodie’). Ma le ragazze hanno fatto un passo in più, per questo pensiamo che la loro ricetta sia vincente: hanno trasformato il virtuale in reale, l’online in offline, utilizzando la rete come strumento di contatto, come prima opportunità di confronto da trasferire vis a vis. Nessuna alchimia, ma comprensione del potere del mezzo e capacità di utilizzarlo nel modo giusto al momento giusto: ed ecco nascere allora la Foodies Geek Dinner, una vero e proprio “slow-date culinario”.

[nggallery id=74]

La cena si è svolta nei locali del FoodLab di Torino, facendo incontrare attorno alla stessa tavola una trentina di foodies, fedelissimi della pagina Facebook della FGD. Il menu della cena è stato votato dalla rete intera, con un semplice like sui piatti preferiti tra quelli proposti e condivisi dagli invitati: i quattro menu con più like sono stati quindi sottoposti allo chef del FoodLab, Giovanni Naviglia, che ha scelto una portata per ciascuno e le ha cucinate dal vivo durante la serata.

“La cucina di casa contro la cucina del web” è stato il tema ispiratore: le tradizioni e i ricordi di famiglia raccontati a voce, i sapori gustati per davvero, le sensazioni condivise osservandole sul volto dei compagni di tavolo hanno vinto sulla tastiera del pc: si è iniziato con un Flan di porri con fonduta, resa soave dall’aggiunta di vino bianco fra i grassi dei formaggi, si è proseguito con il Risotto di Baraggia con un medaglione sottile di salsiccia cruda di Bra (burro acido di scuola marchesiana e un profumo pungente dal mix di pepi in uscita del piatto); per secondo il Brasato, affiancato da topinambur e carote, il tutto cotto sottovuoto, al roner, salvando il sapore della carne ma offrendo morbidezza; per dessert, la Torta Barozzi e crema di mascarpone. Sponsor dell’evento Bao Publishing, TagYourT-Shirt, gliAironi, Tucano, Erboristeria Melissa, Gioia Gottini, Molino Quaglia, Guido Castagna, Pastiglie Leone.
Intorno al cibo si è parlato di idee, progetti, interessi: una serata di chiacchiere e buona tavola, in cui si sono incontrati per la prima volta amici con la stessa passione, aziende attente alla rete, geek con idee brillanti. Perché Facebook può essere anche una piattaforma per stabilire contatti che potranno concretizzarsi in collaborazioni professionali, se la si usa bene: è non poteva essere altrimenti, considerando il bacino di utenti che non conosce battute di arresto e la crescita inarrestabile del numero di iscritti, da 6.000.000 nel novembre del 2008 a qualcosa come 23.000.000 ad agosto del 2012, in egual misura uomini e donne di ogni fascia d’età ma con alte percentuali concentrate tra i 18 e i 24 anni e i 36 e i 45 anni (fonte: “Advertising Facebook”), quando si cerca lavoro o quando ci si vuole o ci si deve reinventare.
L’idea di Mariachiara Montera e Francesca Gonzales si sta già evolvendo in rete, con il progetto di far diventare la Foodies Geek Dinner un appuntamento itinerante aperto a molti più foodies (si parla già di Milano per l’inizio del 2013). Terremo d’occhio la pagina Facebook per gli sviluppi…

Alessandra Locatelli

Photos: Stefano Sgambati

image_pdfimage_print