Dal 7 marzo, il salone internazionale Olio Capitale

www.ristorazionecatering.it
Oldani e la sua rispettosa, naturale e buona armonia
4 marzo 2015
www.ristorazionecatering.it
Torna iba, il mondo della panificazione si riunisce a Monaco
5 marzo 2015
image_pdfimage_print

I luoghi preferiti da Joyce, i meravigliosi caffè storici, il centro mitteleuropeo, in questi giorni c’è un motivo in più per andare a Trieste: l’olio. Una tre giorni che avrà luogo dal 7 al 10 marzo, nella quale tuffarsi letteralmente nello straordinario mondo dell’olio extravergine di qualità, attraverso degustazioni guidate, lezioni di cucina, approfondimenti tecnici, grazie alla presenza qualificata di oltre 250 espositori.
Teatro dell’evento la Stazione Marittima, un edificio storico che malgrado risalga solo agli anni ’30, evoca i fasti degli Asburgo, quando la città era il primo porto dell’Impero, e che anche oggi si conferma un importante snodo internazionale, nel 2013 Trieste è stato il porto italiano con il maggiore traffico di merci. Un’ eccezionale vetrina per l’olio evo, la 9a edizione di Olio Capitale, organizzata a Trieste da Aries, che si annuncia come la più importante fiera specializzata e un’ importantissimo momento di confronto per l’intero comparto che l’anno scorso ha vissuto momenti di difficoltà. L’inaugurazione della kermes vedrà la presenza dell’onorevole Colomba Mongiello, vicepresidente Commissione Anticontraffazione e membro della Commissione Agricoltura, promotrice di una proposta di legge a tutela degli oli d’oliva vergini.
“Partiamo da qui, dalle difficoltà che hanno dovuto affrontare i produttori, ma con la voglia di reagire e di guardare al futuro con ottimismo; con grande piacere saremo assieme all’onorevole Mongiello, che molto sta facendo per questo settore. – afferma Antonio Paoletti, presidente della Camera di Commercio di Trieste – Queste giornate saranno un punto d’incontro da cui potranno partire nuovi input e strategie per il settore”. Alla manifestazione è prevista una netta prevalenza di produttori italiani, ma anche una rappresentanza di olivicoltori stranieri, quest’anno greci, spagnoli e croati. “Anche quest’anno abbiamo mantenuto la doppia anima di Olio Capitale: una culturale-divulgativa ed una commerciale. – spiega Patrizia Andolfatto, direttore di Aries – Quest’ultima è molto importante, è quella che ci ha fatto crescere negli anni. I produttori sanno che qui possono  incontrare buyer e operatori professionali che giungono da tutto il mondo. In parte visiteranno in autonomia la fiera, in parte li seguiremo passo a passo, preparando per loro una fitta agenda di incontri bilaterali. Quest’anno i buyer invitati provengono da Canada, Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti, Germania, Giappone e, per la prima volta, Danimarca. Ma abbiamo già preregistrazioni spontanee di professionisti da molti altri paesi tra cui Brasile, India, Turchia”.
Incontri d’affari, possibilità di assaggiare centinaia di oli, ma anche un fitto calendario di eventi collaterali a seconda del proprio grado di conoscenza dell’olio e del livello di interesse, con degustazioni, mini-corsi di assaggio per diventare giurati al Concorso Olio Capitale, training condotti da esperti all’Oil Bar, degustazioni di olive da tavola, abbinamenti di oli e pietanze, puntando sulla cucina povera e sull’alimentazione dei bambini, coinvolgendo grandi chef.

Per saperne di più: www.oliocapitale.it

Luca Bonacini

image_pdfimage_print