Dare valore all’Italia

Trent’anni del Vino della Pace
22 gennaio 2013
Ragunì, Lo Russo, Tacchella ovvero Catering Cup
22 gennaio 2013
image_pdfimage_print

Gianluca Forino e Davide Verga, da Roma e Como, diventano  i Campioni del Mondo Juniores di Pasticceria a SIGEP. Ed ora inizia SHIRA a Lione.

Giorni fa il pasticcere Gianluca Fusto sentiva la grande responsabilità di essere alla testa di una giuria che doveva valutare giovani pasticceri che, per un intero anno, si erano preparati all’appuntamento di SIGEP. Ragazzi fortemente motivati, in arrivo da dieci nazioni – Brasile, Taiwan, Australia, Giappone, Singapore, Svizzera, Sud Corea, Nuova Zelanda, Francia e Italia – che si sono misurati con un titolo che è tutto un programma: Il circo del futuro. Il tema lo hanno svolto tutti in maniera originale ma, a farlo nel migliore dei modi, è stata la squadra italiana composta da Gianluca Forino, 22enne di Roma, e Davide Verga, 21enne di Caviate (CO) che si sono aggiudicati il titolo di Campioni del Mondo.

Le prove prevedevano la realizzazione di una scultura in zucchero e di una in cioccolato, di una torta al cioccolato e di uno stecco gelato al gusto Dulce de Leche e glassato al cioccolato, tre praline, un dessert al bicchiere a base di crema pasticcera e frutta. La giuria internazionale, presieduta da Gianluca Fusto (allenatore della squadra vincente nel 2011) era composta da Iginio Massari (presidente d’onore), Stephan Klein, Paco Torreblanca ed Eliseo Tonti.

La squadra italiana ha replicato il successo ottenuto nel 2011, il concorso è infatti biennale, aggiungendo al titolo di Campioni del Mondo, una serie di premi speciali per le migliori praline di cioccolato, il miglior tronchetto di cioccolato, la miglior scultura di zucchero e la miglior scultura al cioccolato.
“Siamo felicissimi!” Lo dichiara senza pensarci su troppo a lungo Veronica, la sorella di Davide Verga, che è rimasta a presidiare la pasticceria di famiglia a Cabiate, in provincia di Como. Infatti, questa è una bella storia di famiglia che si sviluppa a partire dal 1975 quando Giorgio e Marisa decidono di aprire la pasticceria. “Ci siamo cresciuti dentro fin da piccoli – racconta Veronica – ed è stato naturale lavorare qui, mio padre e Davide in laboratorio, io e mia mamma al banco. Davide, nell’ultimo anno, per ogni giorno si è allenato per il concorso, confrontandosi con il suo collega e amico Gianluca. Una fatica che ora è ampiamente ripagata”.

Mentre si cala il sipario sulla vittoria dei giovani italiani, un altro si alza: quello che attende al Shira di Lione, dal 26 al 30 gennaio, la squadra italiana dei pasticceri senior, allenata da Alessandro Dalmasso presso la sede di Cast Alimenti di Brescia, composta da Francesco Boccia (cioccolato), Marcello Boccia (zucchero) e Riccardo Patalani (ghiaccio), partecipare ai Campionati del Mondo di Pasticceria.

L’Italia è inoltre l’ospite d’onore di questa edizione di Shira, tra i più prestigiosi appuntamenti mondiali dedicati alla ristorazione e alla gourmet-art che si conclude il 31 gennaio a l’Auberge de L’Ile Barbe, a Lione, con una grande serata di gala dove sono protagonisti: il Prosciutto di Parma e il Parmigiano Reggiano selezionati da Ivan Albertelli, (patron dall’Hostaria “da Ivan” di Fontanelle di Roccabianca, Parma), con gli Champagne Marguerite Guyot.
“Quest’anno l’Italia è ospite d’onore della manifestazione – ha commentato Florence Guyot, madrina della serata – e per questo lo chef Jean Christophe Ansanay, due stelle Michelin, ha voluto per la sua cena un aperitivo d’eccezione: le prelibatezze emiliane di Ivan Albertelli”.
Si fa così, per dare valore all’Italia.

Luigi Franchi

image_pdfimage_print