Eurochocolate: i produttori si confrontano su sostenibilità e consumo responsabile

Di parmigiano in parmigiano: viaggio tra i ristoranti della PR Night
21 ottobre 2016
Con il crowdfunding di Baladin, nasce il parco della birra artigianale
21 ottobre 2016
image_pdfimage_print

Costruire un ponte tra i consumatori e i produttori. È stato questo lo spirito che ha animato il summit “In the HeartH of Chocolate”, tenutosi lo scorso 19 ottobre a Perugia in occasione di Eurochocolate, la manifestazione di respiro internazionale in scena fino al prossimo 23 ottobre.
L’incontro, moderato da Michele Nardella, senior econometrician di Icco – International Cocoa Organization, e organizzato in collaborazione con Fairtrade, ha voluto favorire il confronto fra i produttori di cacao e cioccolato di tutto il mondo, e ha visto la partecipazione di Brasile, Ecuador, Gabon, Repubblica Dominicana, Perù, Haiti, Costa Rica e São Tomé e Príncipe, che hanno potuto dibattere sull’opportunità e l’importanza di promuovere la qualità, la sostenibilità e l’origine del cacao.
Come, dunque, era già emerso durante la Terza Conferenza Mondiale sul cacao, tenutasi lo scorso maggio nella Repubblica Dominicana, anche in questo settore produzione sostenibile e consumo responsabile si prospettano le parole d’ordine da qui ai prossimi anni.
Il summit è stato anche l’occasione per consegnare i Chocoday Ambassador, il riconoscimento che quest’anno è andato a Juan Pablo Buchert (presidente di Canacacao, Costa Rica) e a George Grant Ebanks (direttore generale di G&E Chocolate Adventure Company, Costa Rica).
Si infoltisce, così, di anno in anno, la rete internazionale di esperti e opinion leader impegnati a veicolare i principi cardine del Manifesto Chocoday, la giornata dedicata al cacao sostenibile e al consumo responsabile di cioccolato, che dal 2005 viene celebrata il 12 ottobre, la data della scoperta dell’America e del conseguente arrivo in Europa del “cibo degli dei”.
Ha chiuso la giornata il workshop dedicato alla presentazione dei cluster Agrimech e Bioplastiche e del progetto dell’Università dei Sapori in America Latina.

Mariangela Molinari

image_pdfimage_print