Food immersion a Bologna con LA SCIENZA IN PIAZZA®

I grandi formaggi italiani Dop
26 marzo 2014
Good Food in Good Design
26 marzo 2014
image_pdfimage_print

Bologna come Milano? In ottica Expo 2015, è possibile, se pensiamo all’high concept che muove l’esposizione universale, ovvero la nutrizione, e che il capoluogo felsineo rappresenta per storiografia e antropologia un rappresentativo nodo nevralgico che intreccia cibo e cultura.
E allora LA SCIENZA IN PIAZZA®, dal 28 marzo al 13 aprile, animerà oltre 40 luoghi simbolo del centro storico con un vera e propria food immersion, guidata dal filo conduttore di questa edizione, l’alimentazione.
L’evento, organizzato dalla Fondazione Marino Golinelli in collaborazione con il Comune di Bologna, coinvolgerà per 17 giorni piazze, palazzi, biblioteche, librerie, centri culturali, musei e gallerie in oltre 100 eventi: una festa della scienza e della cultura che esplorerà il gusto e il cibo, le sfide alimentari, il consumo consapevole, la ricerca e l’innovazione in cucina.

L’inaugurazione si terrà venerdì 28 marzo alle 16 presso la Biblioteca dell’Archiginnasio: Dario Braga, prorettore alla Ricerca dell’Università di Bologna, Claudia Sorlini, presidente del Comitato Scientifico di EXPO 2015, Elisabetta Carfagna, responsabile della ricerca della strategia globale per il miglioramento delle statistiche agricole e rurali, Università di Bologna, Andrea Segrè, direttore Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-alimentari dell’Università di Bologna e Mario Mazzocchi, Università di Bologna, responsabile di progetti internazionali di ricerca sui consumi alimentari, discuteranno delle sfide e le opportunità di innovazione che i temi di Expo 2015 pongono sia ai ricercatori che alla società, guidati da Antonio Danieli, direttore generale Fondazione Marino Golinelli.

Non mancheranno gli approfondimenti interdisciplinari che metteranno a confronto psicologi, neurologi, scienziati, astronauti, medici, scrittori, i quali metteranno a fuoco le connessioni storiche ma anche avanguardistiche  tra il cibo e il il design, la salute, l’arte, la scienza, la tecnologia, la moda, il cinema, il paesaggio, la sostenibilità e il clima.
Gli ospiti: lo psicologo Massimo Cuzzolaro, il neurologo Andrea Stracciari e la conduttrice televisiva Roberta Capua, l’entomologo Gianumberto Accinelli (biodiversità); il matematico Enrico Giusti (fisica in cucina); Giacomo Pietramellara e Luigi Cattivelli dell’Università di Firenze (space farming). Di ricerca e alimentazione nello spazio parleranno: David Avino di Argotec, azienda che fornisce a ESA il cibo per gli astronauti, lo chef Stefano Polato e il medico nutrizionista Filippo Ongaro; l’astronauta Maurizio Cheli con Enrico Flamini, direttore scientifico ASI e Alessandro Coletta mission manager CosmoSkyMED ASI. L’astrofisico Reno Mandolesi e Luca Valenziano dell’INAF di Bologna presenteranno Cosmo-SkyMed, programma dedicato al monitoraggio e alla tutela della salute del pianeta. E ancora: Maria Giuseppina Muzzarelli e la chef Marta Pulini (moda e cibo); lo storico della cucina Alberto Capatti e il filosofo e teorico Aldo Colonetti (cibo e design); gli scrittori Giuseppe Conte e Maria Rosa Teodori (cucina e sociologia); la  giornalista Tessa Gelisio, la naturalista Emanuela Busà e il biologo Edgardo Fiorillo (ecologia in cucina); il giornalista e scrittore Antonio Pascale (cibo e agricoltura);  Marco Bianchi, divulgatore scientifico  (consigli per restare in salute); il chimico  Dario Bressanini (cibo e cattiva informazione). La bacologa Silvia Cappellozza guiderà i partecipanti in veri e propri assaggi d’insetti. John Prescott, professore di Psicologia dell’Università di Australia e Nuova Zelanda, parlerà di percezione sensoriale e di psicologia delle preferenze alimentari.

Tutte le informazioni e il programma completo sono consultabile qui: www.lascienzainpiazza.it.

Alessandra Locatelli

image_pdfimage_print