Il gusto italiano al Festival di Sanremo
7 febbraio 2013
Quelli del Ristorante Piper di Onè di Fonte
7 febbraio 2013
image_pdfimage_print

Viaggio sensoriale tra gli Champagne dei tè, a cura di Giustino Catalano.

Due incontri a Roma e Napoli davvero entusiasmanti. Arrivano i tè del Darjeeling. 10 tè di altrettanti giardini di primo raccolto, tra i quali spiccano un in beetwen (raccolto che si fa solo in alcune annate tra il raccolto primaverile e quello estivo) , e un raccolto primaverile biodinamico frutto di un gemellaggio tra il Maestro del tè giapponese Yamashita (ultimo produttore di Gyokuro Tezumi fatto a mano) e il tea master Swaraj Kumar Banerjee che cura la produzione del Giardino di Makaibari (istituito nel 1859).
Un viaggio nel piccolo territorio del Darjeeling, alle pendici dell’Himalaya, inerpicandosi dagli 800 mt di quota sino ai 2200 metri dell’ultimo giardino, il tutto con una cartina in una mano e una tazza nell’altra.
“Penso di non aver mai offerto in una serata una tale opportunità con una selezione di tè. Tenevo aprticolarmente a questo primo incontro di approfondimento al quale parteciperanno molti di quelli che hanno già seguito il corso di base. Bere i Darjeeling è di per se un viaggio speciale, prima ancora che visitarne i luoghi che meritano di loro. Territorio con un clima eccezionale, dove la minima registrata dagli inizi del 1900 ad oggi è stata di +5° C e la massima + 25°C, i raccolti del Darjeeling offrono dei tè neri con uno spiccato carattere da verdi, che variano sia per colore del liquore che per sentori e gusto da raccolto a raccolto e da giardino a giardino. L’impegno dopo questi due incontri è quello di proseguire sulla strada delle diffusione della cultura del tè che riscuote sempre più interesse in Italia” racconta Giustino Catalano, curatore dei corsi.
Gli appuntamenti sono a Roma, il 19 febbraio, da Fiorditè in via Raffaele De Cesare, e a Napoli il 28 febbraio, presso il Garage delle Carrozze di Palazzo Venezia, in via Benedetto Croce.

Per informazioni sui corsi di Roma (Tel.06 88653263) e di Napoli (Tel. 081 5523158)

image_pdfimage_print