Con GIROLIO D’ITALIA, alla scoperta di diciotto paesaggi oliviticoli nazionali

Ravioli alla mozzarella di bufala e basilico, verdure e conserva di pomodoro
3 agosto 2012
In vacanza con mamma e papà: ci pensa www.bimboinviaggio.com
6 agosto 2012
image_pdfimage_print

paesaggio-olivicoloUn anno fa, al Forum Dieta Mediterranea di Imperia, la rete delle città dell’Olio del Mediterraneo Re.Co.Med. candidava il Paesaggio Oliviticolo italiano a Patrimonio Immateriale dell’Umanità Unesco. Quest’anno lo stesso paesaggio sarà protagonista della staffetta del gusto Girolio d’Italia 2012, un viaggio dal Salento al Trentino che unirà diciotto località olivetate del nostro paese: organizzata dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio in collaborazione con i coordinamenti regionali, il percorso inizierà il 13 ottobre per concludersi il 22 dicembre e si presenta come un progetto di promozione e valorizzazione di una delle produzioni più importanti della nostra agricoltura, come spiega Enrico Lupi, Presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio: “Il paesaggio olivicolo è un patrimonio inestimabile da tutelare: da una recente ricerca è emerso che negli ultimi cento anni oltre 10 milioni di ettari di superficie olivetata sono stati abbandonati.

Per questo motivo dobbiamo mettere in atto e da subito strategie per riportare l’attenzione e l’interesse su questa attività. Come? Fornendo ai territori, ai cittadini ed agli olivicoltori tutti gli strumenti che permettano la conservazione ed il miglioramento del paesaggio olivicolo affinché diventi reddito, come strumento di marketing per le aziende e come strumento turistico per le nostre Città dell’Olio”.

Il territorio italiano conta circa 30 milioni di ettari olivetati: sono pochi e sono in calo, quindi non c’è tempo da perdere: l’iniziativa Girolio d’Italia proporrà convegni tecnico scientifici e divulgativi dedicati al paesaggio olivicolo e alla tutela del territorio, degustazioni di olio nuovo in abbinamento ai pani della tradizione e ad altri prodotti dell’eccellenza enogastronomica locale, mostre dedicate alle civiltà dell’olivo, visite ai frantoi, eventi musicali, antichi mercatini, spettacoli di piazza, manifestazioni folcloristiche, corsi di cucina con olio extravergine, coinvolgimento delle scolaresche in percorsi di conoscenza del mondo dell’olio extravergine e premiazioni dei migliori uliveti.

Per non perdere nessuno degli eventi, l’Associazione Nazionale Città dell’Olio lancerà l’applicazione per smart-phones che permetterà di scoprire le eccellenze del territorio italiano attraverso olivi secolari, itinerari legati alla rappresentazione dell’olivo e dell’olio nell’arte e nella cultura, ristoranti dell’olio e produttori di eccellenza.
Per ulteriori informazioni: www.cittadellolio.it

image_pdfimage_print