HOTEL, 40 anni di storia del turismo dell’Alto Adige

Alto Adige, storie di piccoli produttori e grandi vini
3 agosto 2016
La pizza di Bavaro’s, chiudi gli occhi e ti sembra Napoli
3 agosto 2016
image_pdfimage_print

Il 24 ottobre, a Fiera Bolzano, aprirà la 40° edizione di Hotel, manifestazione internazionale dedicata a ospitalità e ristorazione. Un appuntamento importante in un territorio che sta dimostrando che il turismo può davvero essere risorsa di sviluppo economico e crescita culturale.
A testimoniarlo sono i numeri che la manifestazione mette in campo: l’edizione 2015 ha chiuso con 600 espositori e 20.700 visitatori. Un passo avanti notevole se andiamo con la memoria alla prima edizione del gennaio 1977, quando gli espositori erano 150 e i visitatori 5.000.
Ma come si è arrivato a questo ‘volano’ di promozione turistico-territoriale? È la storia a venirci incontro. Negli anni ’70 l’industria turistica risultava in espansione al punto da raggiungere in Alto Adige i 150 miliardi di lire di investimenti; nasce da lì l’idea dii una manifestazione fieristica dedicata.
I posti letto in Alto Adige, in quel periodo, avevano superato quota 200.000 e la giunta regionale, all’inizio degli anni ’80, impose uno stop concedendo solo la possibilità di effettuare poche migliorie alle strutture esistenti; un rallentamento durato fino al 1992, quando fu concesso il via libera al miglioramento qualitativo.
Anche per ‘Hotel, nel 1993/94, si prospettò un utile cambiamento: lo spostamento delle attività sportive su ghiaccio nel nuovo palaghiaccio (zona Bolzano Sud) permise, nel gennaio 1994, un ampliamento significativo della fiera, grazie all’uso del vecchio palazzo del ghiaccio. La superficie espositiva passò da 10.000 m² a 16.600 m², il numero degli espositori raddoppiò (da 150 a 300) e quello dei visitatori raggiunse quota 8.400, per arrivare l’anno successivo a 10.000. Sono gli anni (1997) della “Legge per il ripristino del numero di posti letto”, grazie alla quale gli albergatori pensarono a un nuovo ampliamento quantitativo.
Un anno molto importante fu il 1998: Hotel si trasferisce nella nuova area fieristica a Bolzano Sud, aumentando il numero degli espositori a oltre 400.

HOT_4
Un altro passo in avanti fu l’inaugurazione del nuovo centro congressi della fiera. Da allora i partner di ‘Hotel’ – da HGV (Unione albergatori e pubblici esercenti dell’Alto Adige)/HGJ (Giovani Albergatori dell’Alto Adige), all’Associazione Cuochi Alto Adige, HDS (Unione Commercio, Turismo, Servizi Alto Adige), Gallo Rosso, IDM Südtirol-Alto Adige a VPS Associazione Affittacamere-Appartamenti Turistici Alto Adige e scuole alberghiere – hanno avuto la possibilità di esprimersi attraverso congressi, convegni, esposizioni, workshop e corsi di formazione. Tutti elementi su cui ‘Hotel’ ha costruito la sua offerta d’eccellenza con una forte predisposizione verso l’innovazione e i cambiamenti, tra i quali anche la decisione di calendarizzarla in autunno (dal 2003).
Altri elementi che ne hanno caratterizzato il valore aggiunto in questi anni sono stati: il vino, dal 2004 con le due giornate di Autochtona, il forum dei vini autoctoni, affiancato di recente dagli eventi Tasting Lagrein e Vinea Tirolensis; il web e la sua importanza per il settore ricettivo, che ha portato nel 2012 all’organizzazione del primo “Social Media Forum”, oggi “Communication Forum”; l’architettura, col convegno “RIcostruire?!” sui temi dell’edilizia e della sostenibilità.
A questi se ne aggiungono altri, alla cui base stanno ricettività e turismo, animati da innovazione e ricerca nella direzione di crescita e sviluppo, ma soprattutto soddisfazione del cliente finale. Una storia di crescita, confortata da numeri che hanno visto, nel 2015, il record alto-atesino di 29,5 milioni di pernottamenti, e che crea i presupposti positivi per la 40° edizione di Hotel, in programma dal 24 al 27 ottobre 2016 a fiera Bolzano.

Per restare aggiornati: www.fierabolzano.it/hotel

image_pdfimage_print