Il pesce azzurro in festa con Anghiò 2015

www.ristorazionecatering.it
Il Labirinto di FMR, oasi del gusto dei fratelli Spigaroli
1 luglio 2015
Il Consorzio Piacenza Alimentare alla conquista di Usa e Asia
2 luglio 2015
image_pdfimage_print

Il maggior porto peschereccio dell’Adriatico sarà teatro dal 3 al 12 luglio della manifestazione “Anghiò”. Un’occasione per rimarcare il determinante ruolo di San Benedetto del Tronto e della Riviera delle palme, nel comparto ittico nazionale e offrire un momento di conoscenza sulle varietà di pesce più prelibate della zona. Non a caso, ogni anno dal 1999 la località marchigiana viene insignita della Bandiera Blu con stella, il riconoscimento rilasciato ai luoghi costieri europei che brillano per le acque  e le spiagge più pulite. Vini di marca, in abbinamento ai piatti preparati da grandi Chef, durante la sesta edizione di Anghiò, il Festival del Pesce Azzurro, ideato e organizzato dalla Tuber Communications e dall’Agenzia Sedicieventi, che si appresta ad aprire i battenti con un programma ricco e variegato, che prevede ben 50 ricette proposte ai visitatori, e un percorso del gusto, che prenderà il via dal Palazzurro, con il pesce pescato della zona interpretato in mille varianti appetitose durante “Cinquanta sfumature di Azzurro” con gli Chef Enrico Mazzaroni, Aurelio Damiani, Daniele Citeroni, Vittorio Cameli, Sabrina Tuzi, Simone Ventresca, Simone Rugiati e Rosaria Morganti. Sarde limone e Marsala, insalata di nettarine e alletterato con maionese di avocado o sgombri alla marmellata di cipolle rosse della sentina, preparati da Lucia Mazzullo di Siracusa; pasta al battuto di alici, lanzardo in brodetto e alici in carpione, della Nuova Pescheria Picena; maccheroncini di Campofilone Igp alle alici e pan de coca alle alici della Vecchia Campana Cantina di Pesce di San Benedetto del Tronto; panzerotti, pizza burrata e alici, del Fritto Misto Kitchen Staff che proporrà anche fish kebab, olive ripiene di pesce e mozzarella di bufala con ripieno di alici; spaghetti alici e tartufo estivo dei Sibillini, di Aurelio Damiani, lo Chef che ha fatto la storia della ristorazione marchigiana; la pizza fritta alle alici, della Pizzeria Mammarosa di Ortezzano; la pappa al pomodoro all’azzurro, mortadella di mare con maionese di uova d’azzurro e panzanella croccante all’azzurro di Paolo Orazzini de Il Gusto Etrusco, di San Vincenzo di Livorno, tanto per citarne alcuni. Ma anche il cooking show Simone Rugiati, che sarà l’evento di punta del weekend di Anghiò. Sabato 11 luglio, alle ore 20.30, il celebre Chef e conduttore televisivo proporrà una raffinata degustazione di tre piatti a base di pasta La Campofilone, con pesce azzurro in abbinamento. Otto sere consecutive, che prenderanno il via giovedì 5 luglio, nelle quali i Maestri di Cucina proporranno al pubblico di Anghiò le loro personali interpretazioni delle più classiche ricette di mare. L’anghiò che in dialetto marchigiano significa alice, sarà l’ospite d’onore del grande evento, insieme a sarde, sgombri, ricciole, tonni e alle altre varietà di pesce azzurro, di cui sono note le proprietà benefiche e nutrizionali. Attraverso il ricco calendario della kermesse consultabile sul sito, si potrà conoscere il pesce azzurro a tutto tondo, la risorsa ittica più diffusa localmente simbolo della marineria di San Benedetto del Tronto e della cultura marinara marchigiana, che sarà la bandiera dell’Expo 2015, rappresentando le Marche e il Piceno.

Luca Bonacini

image_pdfimage_print