Il Premio Gambelli all’enologo toscano Sebastian Nasello

Segatura nel Parmesan
22 febbraio 2016
Esce la guida 2016 Châteaux & Hôtels Collection
23 febbraio 2016
image_pdfimage_print

Nei giorni scorsi all’Hotel Villa San Paolo di San Gimignano (SI), nell’ambito dell’Anteprima della Vernaccia di San Gimignano, si è svolta la quarta edizione del Premio Giulio Gambelli, riconoscimento creato nel 2012 da ASET ed IGP (blog network  “I Giovani Promettenti”) che indica l’enologo under 35 che meglio ha saputo interpretare l’idea di vino del grande maestro del Sangiovese: rispetto ed esaltazione delle tipicità di ogni singolo vitigno, delle caratteristiche del territorio e delle peculiarità dell’annata. L’edizione 2016 è andata a Sebastian Nasello, enologo del Podere Le Ripi di Montalcino (SI), risultato primo dopo la degustazione alla cieca dei vini dei 19 finalisti, interrompendo un “dominio” che nelle prime tre edizioni aveva visto trionfare sempre enologi piemontesi.  “La mia idea di vino? Dopo un approccio orientato su altri aspetti, ho scoperto il piacere della semplicità proprio quando sono arrivato a Podere Le Ripi. Credo che un vino debba essere essenziale, diretto, territoriale e con meno artifizi possibili. Purtroppo, per ragioni anagrafiche, non ho avuto la fortuna di assaggiare i vini di Gambelli se non a distanza di diversi anni dalla vendemmia: di essi mi ha colpito proprio la semplicità e la capacità di raccontare il territorio, di esserne l’espressione, e questa è stata una grande ispirazione professionale”. Le precedenti edizioni sono state vinte nel 2013 da Fabrizio Torchio (Grape – Gruppo Ricerche Avanzate Per l’Enologia); nel 2014 da Gianluca Colombo (Az. Segni di Langa, Roddi – CN / Cordero Consulenze); nel 2015 da Francesco Versio (Az. Bruno Giacosa, Neive – CN).

 

Luca Bonacini
bonaciniluca@gmail.com

 

 

image_pdfimage_print