25 ottobre, World Pasta Day
25 ottobre 2013
La Biennale del gusto a Venezia
26 ottobre 2013
www.ristorazionecatering.it
image_pdfimage_print

La fervida creatività dei napoletani ha fatto centro ancora una volta. Chi si sarebbe mai aspettato di ritrovarsi a rimirare gli chef in un presepe? Ora si può. L’idea è venuta a Maurizio Cortese, food writer e gastronomo napoletano, in occasione della presentazione del suo portale Cortese way, Personal Food Experience: un sito ricco di informazioni per tutti i viaggiatori del gusto. La realizzazione delle ventisette statuine del presepe, dedicati ad altrettanti cuochi tra cui si riconoscono Massimo Bottura, Gualtiero Marchesi, Mauro Uliassi, Alfonso Iaccarino e molti altri noti, è stata eseguita da Marco Ferrigno erede di una famiglia che, dal 1836, firma piccole opere d’arte in terracotta nella celebre strada dei presepi, via San Gregorio Armeno. Il risultato è un vero e proprio presepe tradizionale d’autore in cui i classici pastori lasciano il posto ai volti noti della cucina italiana ritratti in giubba da cuoco, ciascuno con un dettaglio. Il maestro Ferrigno ha costruito anche le scene: il banco della carne e quello dei formaggi, la vecchia osteria e la cucina, il banco del pesce. “La bellezza del presepe napoletano contemporaneo – ha dichiarato Maurizio Cortese –  è che dà la possibilità di fare della sana ironia su episodi realmente accaduti. San Gregorio Armeno, la via dei presepi di Napoli, è piena di statuette che rimandano alla più viva attualità”.

E di attualità è proprio il caso di parlare di fronte a quest’idea che vuole essere, racconta Cortese: “un omaggio ai grandi interpreti della cucina italiana in chiave schiettamente partenopea.  L’idea è quella di creare una insolita “guida”, figurata e tridimensionale, che ogni anno sarà aggiornata con volti nuovi, con i cuochi più meritevoli che entreranno a farne parte, magari a discapito di qualcuno che nell’anno precedente non si è particolarmente distinto”. Dopo il debutto a Napoli, Il Presepe degli Chef sarà esposto a Roma e Milano. Il presepe sarà itinerante e chi vorrà farne uso basta che scriva a info@corteseway.it

 Luigi Franchi

image_pdfimage_print