Il turismo enogastronomico in Alto Adige

Osteria del Biliardo, Milano conserva le tradizioni
15 luglio 2013
Piccolo è utile, confrontarsi è meglio. Le dritte dal 68° Congresso di Assoenologi.
15 luglio 2013
image_pdfimage_print

Tra gli appuntamenti con il buon cibo più apprezzati ci sono i mercati contadini.
In Alto Adige questa è una tradizione antica che vede i produttori scendere dai masi e dalle coltivazioni ad alta quota per portare i freschissimi prodotti naturali, che nascono sotto le Dolomiti dell’area vacanze Alpe di Siusi (Alto Adige/Südtirol), nei profumati mercati contadini, piacere per le papille gustative e trionfo di forme e di colori per gli occhi.

Frutta e verdura, spezie ed erbe di ogni tipo, invitano dagli stand a golosi assaggi, che vengono dall’amore per la terra e dalla passione per i suoi frutti più genuini. Uova di allevamento all’aperto, il formaggio plasmato da mani sapienti, il miele che sboccia dai fiori, succhi e sciroppi saporiti si mescolano in un prezioso banchetto fatto delle specialità della cucina rurale.

Fino al 25 ottobre 2013, a Castelrotto, l’appuntamento con il mercato contadino è tutti i venerdì, dalle ore 8.00, in Piazza Kraus. A Siusi lo spettacolo con le prelibatezze locali è tutti i martedì, dalle 8.00, in Piazza O.v.Wolkenstein (fino al 24 settembre). Il sabato è invece il giorno della festa del mercato a Fiè allo Sciliar, dalle 8.00, sulla Piazza della Chiesa, fino al 26 ottobre. Anche questo è un metodo che ha portato in pochi anni l’Alto Adige ad essere meta prediletta del turismo enogastronomico.

“In cinque anni il turismo è cresciuto del 20%, arrivando a sei milioni di turisti ospitati in 5.000 hotel e 6.000 tra agriturismi e camere. – spiega Reinhold Marsoner, direttore di Fiera Bolzano – La gastronomia è una carta vincente: basti pensare che qui è nata, negli anni ’30 la prima strada del vino. E che oggi abbiamo 17 ristoranti stellati in un’unica provincia”. Anche i numeri del vino non scherzano: “In guida abbiamo 26 vini con Tre Bicchieri, pari al 7% del totale di eccellenza italiana. Pur essendo un territorio minuscolo (5.300 ettari vitati) abbiamo grandi prodotti” conclude Reinhold Marsoner

Di questo e altro si parlerà ad Autochtona, il Forum nazionale dei vini autoctoni inserito nell’ambito di Hotel 2013, dal 21 al 24 ottobre, a Fiera Bolzano.

image_pdfimage_print