Dell’Invidia e delle Liti, al Parco delle Fiabe

Sei nuovi vini Duca di Salaparuta a Vinitaly
22 marzo 2012
L’addio di Tonino Guerra
22 marzo 2012
image_pdfimage_print

invidia-liti-parco-fiabeSabato scorso il Castello di Gropparello, in provincia di Piacenza, ha inaugurato la stagione primavera-estate riaprendo il suggestivo Parco delle Fiabe: il primo appuntamento da segnarsi in agenda è fissato per sabato 24 marzo, con la cena “Dell’Invidia e delle Liti”. Si tratta di una cena con delitto, un genere di appuntamento che il maniero piacentino organizza con successo già da tempo. Le sale, il panorama, le mura e la ricchissima storia che aleggia su chiunque lo visiti si prestano infatti come cornice perfetta per una immersione nelle atmosfere del giallo. Ad ogni serata è prevista un’intrigante sceneggiatura che coinvolge tutti gli ospiti: sabato il mistero da svelare avrà inizio con il Conte Guglielmo che organizza un banchetto, a cui partecipano madonna Amalasunta, sorella del Conte, e poi una giovane e frivola ereditiera di nome Elisabetta con il tutore, che si chiama padre Anselmo ed è un monaco poco ortodosso appartenente alla Santa Inquisizione, infine l’alchimista Mastro Giovanni da Volterra; la trama prevede che durante la cena si scatenino sempre maggiori contrasti, finché i sentimenti malevoli non finiranno per produrre il fattaccio. Cosa è successo e, soprattutto, chi è il colpevole?
A risolvere l’enigma saranno tutti i commensali. Il prezzo è di 59 euro a persona e comprende vestizione in costume, animazione a tema e banchetto.

Per informazioni: www.castellodigropparello.it

image_pdfimage_print