Kitchen Art e la ricetta perfetta

www.ristorazionecatering.it
Vino made in Italy: più social che e-commerce
15 giugno 2015
www.ristoazionecatering.it
Il Birichin di Nicola Batavia nel circuito iBarter
16 giugno 2015
www.ristorazionecatering.it
image_pdfimage_print

Ha aperto i battenti nei giorni scorsi alla Galleria Biffi Arte di Piacenza la mostra Kitchen Art, esposizione di fotografie delle migliori creazioni culinarie di chef famosi ed emergenti. Piatti, ingredienti e tecniche di cucina ma anche simboli e presenze antropologiche per testimoniare con le immagini le nuove tendenze nel linguaggio del cibo e nella preparazione dei piatti.
Curata da Aldo Colonetti col contributo di Alberto Capatti, storico della cultura alimentare ed emerito Rettore dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, la mostra si propone, intercettando le tematiche di Expo 2015, come ricerca indiziaria, analizzando la messa in scena del piatto quale espressione di un sapere replicabile, rappresentazione delle tradizioni alimentari regionali attraverso le mise en place di professionisti noti come Pietro Leemann, Davide Oldani o Claudio Sadler, stampate e trattate come vere opere d’arte, in un catalogo ampio e completo che riporta all’autore con riferimenti e dettagli.
La scelta della Galleria Biffi si presenta in quest’ottica come luogo ideale, ricco di storia e cultura. Fondata nel 2009, per volontà del presidente di Formec Biffi, la galleria testimonia e mantiene vivo lo storico legame tra il marchio Biffi, Milano 1852, e il mondo dell’arte. Lo storico Caffè Biffi vide infatti, ai sui tavolini, Marinetti, Balla, Depero e la nascita del movimento futurista. Polo culturale dell’espressione artistica, oggi la Galleria Biffi promuove incontri e iniziative tra artisti e collettività per la ricerca di una cultura libera e innovata.
Nata come pagina facebook dell’azienda RG, specializzata in attrezzature per chef e barman, Kitchen Art raggiunge con quest’avvenimento il completamento del suo percorso e sarà a disposizione del pubblico fino al 2 agosto 2015.  

Marina Caccialanza

image_pdfimage_print